Ruderi in aumento del 5,3 per cento nel 2018: allarme Confedilizia

Ruderi in aumento del 5,3 per cento nel 2018 allarme Confedilizia
Numero dei ruderi in aumento del 5,3 per cento nel 2018 rispetto all’anno precedente, le unità collabenti sono aumentate del 97 per cento rispetto al periodo pre-Imu

Comunemente si chiamano ruderi, tecnicamente si definiscono “unità collabenti”, vale a dire gli immobili che a causa del loro completo abbandono presentano un alto livello di degrado. A segnalarlo è Confedilizia, che ha elaborato i dati pubblicati dall’Agenzia delle entrate sullo stato del patrimonio immobiliare italiano.

Nel 2018, il numero di questi immobili, che appartengono alla categoria catastale F2, è cresciuto del 5,3 per cento rispetto all’anno precedente. Un dato di per sé allarmante, ma ancor più eclatante è il dato che riguarda il confronto tra il periodo pre e post Imu: rispetto al 2011, gli immobili ridotti alla condizione di ruderi sono raddoppiati, passando da 278.121 a 548.148 (vale a dire il 97 per cento in più). Con tutte le immaginabili conseguenze in termini di degrado delle aree su cui insistono.

Secondo quanto evidenzia Confedilizia, si tratta di immobili, appartenenti per il 90 per cento a persone fisiche, che raggiungono condizioni di fatiscenza per il semplice trascorrere del tempo o, addirittura, per effetto di atti concreti dei proprietari finalizzati ad evitare almeno il pagamento dell’Imu e della Tasi (ad esempio, attraverso la rimozione del tetto).

Va infatti ricordato che sono soggetti alle due imposte patrimoniali persino gli immobili ‘inagibili o inabitabili’, anche se il vicepresidente del Consiglio Salvini, su richiesta di Confedilizia in occasione della riunione con le parti sociali, si è impegnato ad eliminare questa iniqua forma di tassazione, così come quella degli immobili sfitti. Misure indispensabili e urgenti oltre a quelle di incentivo alla riqualificazione degli edifici ed alla loro immissione sul mercato.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.