Agevolazioni fiscali box auto 2019: chiarimenti dell’Agenzia delle entrate

Agevolazioni fiscali box auto 2019 chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Le agevolazioni fiscali box auto 2019 spettano sia per l’acquisto che per la costruzione di posti auto purchè siano pertinenziali, i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate

L’Agenzia delle entrate fornisce qualche chiarimento sulle agevolazioni fiscali box auto 2019. Intanto, bisogna ricordare che è necessario seguire alcune specifiche condizioni. E’ possibile beneficiare del bonus ristrutturazioni per la realizzazione di autorimesse o posti auto che siano pertinenze di immobili residenziali (anche di condomini).

Nella guida sulle ristrutturazioni edilizie dell’Agenzia delle Entrate viene specificato quando si ha diritto alla detrazione Irpef per il recupero del patrimonio edilizio. In particolare:

  • per l’acquisto di box e posti auto pertinenziali già realizzati (solo per le spese imputabili alla loro realizzazione);
  • per la costruzione di autorimesse o posti auto, anche a proprietà comune (purché vi sia un vincolo di pertinenzialità con una unità immobiliare abitativa).

La detrazione per l’acquisto del box spetta limitatamente alle spese sostenute che dovranno essere dimostrate da apposita attestazione rilasciata dal costruttore.

La concessione dell’agevolazione è subordinata:

  • deve esserci la proprietà o un patto di vendita di cosa futura del parcheggio realizzato o in corso di realizzazione;
  • deve esistere un vincolo pertinenziale con una unità abitativa, di proprietà del contribuente; se il parcheggio è in corso di costruzione, occorre che vi sia l’obbligo di creare un vincolo di pertinenzialità con un’abitazione;
  • è necessario che l’impresa costruttrice documenti i costi imputabili alla sola realizzazione dei parcheggi, che devono essere tenuti distinti dai costi accessori (questi ultimi non sono agevolabili).

Per gli acquisti contemporanei di casa e box con unico atto notarile, la detrazione spetta limitatamente alle spese di realizzazione del box pertinenziale, il cui ammontare deve essere specificamente documentato. La detrazione può essere riconosciuta anche per i pagamenti effettuati prima ancora dell’atto notarile o, in assenza, di un preliminare d’acquisto registrato, in cui è indicato il vincolo pertinenziale. E’ necessario, però, che tale vincolo risulti costituito e riportato nel contratto prima della presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale il contribuente richiede la detrazione.

Documentazione per l’acquisto del box auto

  • atto di acquisto, o preliminare di vendita registrato, dal quale risulti la pertinenzialità;
  • dichiarazione del costruttore, nella quale siano indicati i costi di costruzione;
  • bonifico bancario o postale per i pagamenti effettuati.

Documentazione per la costruzione del box pertinenziale

  • concessione edilizia da cui risulti il vincolo di pertinenzialità con l’abitazione;
  • bonifico bancario o postale per i pagamenti effettuati.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.