Agevolazioni prima casa anche sulla seconda in caso di sisma: la sentenza della Cassazione

Agevolazioni prima casa anche sulla seconda in caso di sisma la sentenza della Cassazione
Le agevolazioni prima casa anche sulla seconda in caso di sisma, anche se situata nello stesso Comune, riconosciute da una sentenza della Corte di Cassazione

Qualche beneficio fiscale in più è stato riservato a chi è proprietario di una casa gravemente danneggiata dal terremoto. A stabilirlo è una recentissima sentenza della Corte di Cassazione che ha sancito la possibilità di usufruire delle agevolazioni fiscali prima casa anche per l’acquisto della seconda se la prima abitazione è da considerare non abitabile.

Con l’ordinanza n. 18091 del 5 luglio 2019, riportata da ItaliaOggi, i Supremi giudici hanno stabilito che il secondo alloggio può essere situato anche nello stesso Comune. Inoltre, ai fini delle agevolazioni fiscali prima casa anche per la seconda, è irrilevante che il contribuente abbia tardato nella ristrutturazione se l’immobile era inserito in un piano comunale che poi non è partito. Si sta parlando del tristemente famoso terremoto in Abruzzo del 2002 che aveva raso praticamente al suolo le case e provocato tante vittime.

Il caso preso in esame dai Supremi giudici riguarda l’abitazione di un contribuente che aveva subito gravi danni all’abitazione tanto da non essere più agibile. Il piano di ristrutturazione non era stato eseguito ed il proprietario non aveva provveduto alla ristrutturazione pagando di tasca sua.

Il contribuente aveva quindi acquistato una nuova abitazione per la quale aveva richiesto le agevolazioni fiscali prima casa che, comunque, erano state negate dalla Ctr. Il contribuente aveva presentato un ricorso che è stato accolto dalla Corte di Cassazione che ha, inoltre, ribaltato il verdetto.

La sententa della Corte di Cassazione ha inoltre chiarito che non si può ritenere d’ostacolo all’applicazione delle agevolazioni “prima casa” la circostanza che l’acquirente dell’immobile sia al contempo proprietario d’altro immobile (acquistato senza agevolazioni nel medesimo comune) che, “per qualsiasi ragione” sia inidoneo, per le ridotte dimensioni, a essere destinato a sua abitazione”.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.