Tassi interesse sui mutui in discesa a maggio: il rapporto mensile di Abi

Tassi interesse sui mutui in discesa a maggio il rapporto mensile di Abi
I tassi interesse sui mutui in discesa a maggio, secondo il rapporto mensile Abi, dall’1,86 per cento di aprile si scende all’1,84 per cento in maggio, il tasso fisso è sempre il più richiesto

Chiedere un mutuo continua ad essere conveniente. Il tasso medio sui mutui concessi dalle banche italiane è nuovamente sceso, passando dall’1,86 per cento di aprile, all’1,84 per cento di maggio. Si tratta del nuovo minimo raggiunto dal settembre 2018.

Questo è quanto emerge dal rapporto mensile dell’Abi. Il dato sintetizza l’andamento dei tassi fissi e variabili ed è influenzato anche dalla variazione della composizione fra le erogazioni in base alla tipologia di mutuo.

In buona sostanza, si conferma la politica dei tassi bassi, al minimo storico: il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni è dell’1,84 per cento (1,86 per cento ad aprile 2019, 5,72 per cento a fine 2007), mentre per le operazioni di finanziamento alle imprese è dell’1,46 per cento (1,46 per cento anche il mese precedente; 5,48 per cento a fine 2007), con un tasso medio sui prestiti del 2,58 per cento (2,59 per cento il mese precedente e 6,18 per cento prima della crisi, a fine 2007)
 
Di conferma si parla anche per quanto riguarda il tasso prescelto dagli aspiranti mutuatari. Sul totale delle nuove erogazioni di mutui quasi i tre quarti sono stati a tasso fisso: nell’ultimo mese la quota del flusso di finanziamenti a tasso fisso è risultata pari al 72,6 per cento (72,1 per cento il mese precedente).

Il rapporto Abi evidenzia anche la crescita del mercato dei mutui ad aprile 2019, con una variazione positiva di +2,5 per cento su base annua, ma al contempo una riduzione della domanda di finanziamenti alle imprese dello 0,6 per cento su base annua.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.