New York grattacieli sempre più alti per soli ricchi: come cambia la Grande Mela

New York grattacieli sempre più alti per soli ricchi come cambia la Grande Mela
A New York grattacieli sempre più alti per soli ricchi, la casa con vista per soddisfare le esigenze dei paperoni

Chi non ha mai sognato di andare a New York, se non addirittura deciso di andare a vivere in quella Grande Mela che mai si ferma? Sempre attiva, sia di giorno che di notte. Simbolo della rinascita di molti che arrivano a New York sognando di dare una svolta alla propria vita.

A New York tutto ha qualcosa in più, rispetto al resto del mondo, la Statua della Libertà che accoglie chi entra nella City seguendo il fiume Hudson, Wall Street, dove si decidono le sorti finanziarie del mondo intero, fino al Madison Square Garden. Non si può non citare Little Italy, una vera presenza d’eccellenza italiana in terra americana.

New York sta, tuttavia, cambiando, sta modificando il suo aspetto per accogliere le esigenze di quelle poche persone che diventano sempre più ricche. La “linea del cielo”, ovvero lo skyline di New York, si adegua per accontentare le esigenze dell’1 per cento, ovvero dei più ricchi che chiedono per i loro appartamenti viste mozzafiato.

I grattacieli diventano sempre più alti nella Grande Mela per rispondere proprio a questa esigenza riflettendo però, secondo i critici, le crescenti disuguaglianze della città, dove il divario fra i paperoni e la gente comune si allarga sempre di più.

La tendenza verso l’alto è oramai più che evidente, in tutto il mondo. Nel 2014, il One World Trade Center ha strappato il titolo di grattacielo più alto della città all’Empire State Building. Il New York Times afferma che entro il 2024 l’Empire State Building sarà l’undicesimo più alto in città, sottolineando che gli edifici più alti sono quelli più redditizi per i costruttori, grazie proprio ai piani più alti che offrono più privacy, una vista migliore e più alti prezzi di vendita.

Richard Florida, urbanista e professore del NYU Schack Institute of Real Estate, mette in evidenza che i grattacieli che stanno sorgendo sono la rappresentazione fisica dell’1 per cento. L’esempio lampante è un attico nel prestigioso indirizzo 220 Central Park South che costa 238 milioni di dollari ed è l’appartamento più costoso degli Stati Uniti.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.