Compravendite verso la qualità abitativa migliore: cresce l’esigenza

Compravendite verso la qualità abitativa migliore cresce l’esigenza
Le compravendite verso la qualità abitativa migliore, cresce l’esigenza delle famiglie italiane, l’analisi di acquirenti e venditori dell’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa

Secondo le ultime analisi di mercato, le compravendite in Italia sono notevolmente aumentate, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, l’incremento nel periodo gennaio-marzo è stato dell’8,8 per cento, con un numero di scambi che tocca quota 138.525.

Il parere di Fiaip non è positivo e ritiene che la crescita non corrisponde ai valori immobiliari. A fare una valutazione è l’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa che ha analizzato sia le esigenze dell’acquirente, sia le aspettative del venditore.

L’analisi delle compravendite realizzate nel 2018 dalle agenzie affiliate al Tecnocasa e Tecnorete evidenzia che il 76,2 per cento ha riguardato l’abitazione principale, il 18,2 per cento la casa ad uso investimento ed il 5,6 per cento la casa vacanza. Rispetto all’anno precedente le percentuali sono rimaste sostanzialmente invariate.

Nel 56,0 per cento dei casi a comprare l’abitazione sono persone con un’età compresa tra 18 e 44 anni, si registra poi un 22,4 per cento di acquirenti tra 45 e 54 anni e percentuali in diminuzione al crescere delle fasce di età.

Ad acquistare casa attraverso le agenzie del Gruppo Tecnocasa sono state soprattutto coppie e coppie con figli che compongono il 72,3 per cento del campione, mentre è più bassa la quota di acquirenti single che si attesta sul 27,7 per cento. In leggero calo la percentuale di acquisti da parte di single che l’anno precedente si attestava al 28,5 per cento contro il 27,7 per cento attuale.
 
Analizzando le compravendite dal lato del venditore, nel 2018 la maggior parte delle persone ha venduto per reperire liquidità (54,1 per cento), seguiti da coloro che hanno venduto per migliorare la qualità abitativa (34,4 per cento) ed infine da chi si è trasferito in un altro quartiere oppure in un’altra città (11,5 per cento). Rispetto all’anno precedente aumenta la percentuale di coloro che vendono per migliorare la qualità abitativa: si passa infatti dal 32,2 per cento all’attuale 34,4 per cento.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.