Toscana al top degli acquisti dall’estero: prima in dieci anni per la presenza di investitori

Toscana al top degli acquisti dall’estero prima in dieci anni per la presenza di investitori
La Toscana al top degli acquisti dall’estero, al primo posto, nell’arco di dieci anni, per la presenza di investitori, quotazioni al metro quadro in lieve ribasso

L’Italia piace agli invetitori stranieri e fra le regioni che maggiormente attirano la loro attenzione c’è la Toscana. Ma anche il mercato interno e gli investimenti sugli sviluppi immobiliari registrano un trend positivo, leggermente più elevato rispetto alla media nazionale.

A dirlo è il Rapporto 2019 sul mercato immobiliare realizzato da Scenari Immobiliari in collaborazione con Casa.it. la Toscana conquista il primo posto, nell’arco di dieci anni, per la presenza di investitori stranieri che hanno comprato casa tanto che gli investimenti hanno sfiorato il 20 per cento, più di Lazio (19,2 per cento) e Puglia (17 per cento). Firenze, inoltre, si posiziona al secondo posto in Italia per investimenti previsti nello sviluppo urbano.

Per numero di compravendite (39.500), la Toscana rappresenta la sesta regione italiana con il 6,3 per cento sul totale nazionale e seconda nell’area centrale dopo il Lazio. Le previsioni per il 2019 sono positive, le transazioni toccheranno quota 40.500, facendo registrare il 9,5 per cento in più sul 2018.

I prezzi delle case in Toscana si sono leggermente abbassati (-0,1 per cento nel 2018, mentre l’Italia ha perso lo 0,2 per cento). Secondo il rapporto di Scenari Immobiliari è prevedibile un incremento dello 0,1 per cento, nel resto d’Italia, invece, resteranno sostanzialmente stabili. Il mercato residenziale di Firenze è ormai fuori dalla crisi già da qualche anno e per il 2019 si prevede un aumento delle compravendite del 3,4 per cento.

Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari, ha dichiarato: “Il mercato immobiliare della Toscana vive un momento positivo con una grande attenzione degli investitori (forse troppo nel segmento dei piccoli alloggi centrali) italiani ed esteri. È un trend destinato a proseguire, perché la capacità di preservare il territorio e le caratteristiche ambientali e sociali rappresentano ora un valore centrale per chi vuole investire nell’immobiliare, sia piccolo o grande investitore. È un nuovo Rinascimento immobiliare che trova forza anche nei tanti progetti e iniziative di riqualificazione e sviluppo urbano, che fanno di Firenze la seconda città italiana più attrattiva, in ambito immobiliare, con canoni piuttosto elevati soprattutto per le location più centrali”.

Luca Rossetto, ad del Gruppo Casa.it, ha commentato: “I dati misurati dal nostro portale Casa.it confermano il trend positivo a livello regionale indicato da Scenari Immobiliari. Infatti, in Toscana, le richieste degli utenti verso gli agenti immobiliari generate sul portale ad aprile 2019 sono cresciute del 9 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018”.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.