Vendite box auto verso la ripresa: ancora lontana l’uscita dalla profonda crisi

Vendite box auto verso la ripresa ancora lontana l’uscita dalla profonda crisi
Le vendite box auto verso la ripresa nelle grandi città italiane, anche se l’uscita definitiva dalla crisi è ancora lontana, i dati dell’Osservatorio di Immobiliare.it

Il mercato immobiliare italiano sta lanciando segnali positivi già da qualche tempo, le compravendite continuano a salire grazie ai prezzi favorevoli ed alle condizioni dei mutui ancora convenienti. Da un anno a questa parte, anche il comparto relativo ai box auto sembra essere pronto per uscire dalla crisi.

La flessione del comparto sembra essersi arrestata e, dopo anni di prezzi in caso, si avvia verso la normalizzazione, anche se è ancora prematuro parlare di una uscita vera e propria dalla profonda crisi. Questo è quanto emerge dai dai dell’Osservatorio di Immobiliare.it sul mercato dei box auto nelle grandi città italiane.

Tra il 2013 ed il 2018 l’offerta di box era cresciuta in modo esponenziale, in alcuni casi di quasi il 40 per cento, attualmente il numero di annunci si sta ridimensionando. L’unica fra le grandi città dove l’offerta continua a crescere, anche se in modo molto meno evidente che in passato, è Bologna dove l’ultimo anno si è registrato un aumento del volume di annunci di box auto in vendita pari al 4 per cento.

Napoli è la città più cara in assoluto, rivela l’analisi; per acquistare un box da 20 metri quadri, infatti, bisogna sborsare 43.500 euro, vale a dire il 9 per cento in più rispetto allo scorso anno. Sul fronte affitti, invece, è Milano a detenere il titolo di città più cara. All’ombra della Madonnina infatti si pagano prezzi da record: per un box da 20 metri quadri la richiesta media è di 215 euro al mese.

Carlo Giordano, amministratore delegato di Immobiliare.it, ha dichiarato: “La percezione dei box auto è mutata e non si tratta più di proprietà considerate irrinunciabili Per questo motivo è difficile ipotizzare una vera e propria ripresa per questo segmento dell’immobiliare. Va detto però che il trend tutto sommato positivo che si registra nel mattone dei grandi centri si riflette anche in parte sul segmento dei garage che smette di soffrire come in passato. Una sinistrosità più diffusa ed una minore disponibilità dei servizi di car sharing portano a risultati migliori nel Sud Italia, dove i prezzi risultano più in ripresa che altrove ed il volume dell’offerta inizia a ridursi. A Milano, dove la domanda di immobili in locazione ha superato quella degli immobili in vendita, la fortuna di questa formula sembra coinvolgere anche i box”.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.