Speciale mercato immobiliare Genova: su le compravendite, giù i prezzi

Speciale mercato immobiliare Genova su le compravendite, giù i prezzi
Lo speciale mercato immobiliare Genova evidenzia che nella seconda parte 2018 sono salite le compravendite ed i prezzi hanno registrato una flessione

L’analisi dell’Ufficio Studi Grupo Tecnocasa sul mercato immobiliare di Genova svela che nella seconda parte del 2018 i prezzi hanno registrato un ribasso del 2,9 per cento. Le compravendite sono state 7.108 in aumento del 3,6 per cento rispetto all’anno precedente, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate.

La macroarea di Certosa-Ponte Decimo di Genova, ha registrato una contrazione dei prezzi dell’11,1 per cento in seguito alla performance del quartiere di Bolzaneto, nonostante la domanda sia aumentata e, parallelamente, anche il numero di compravendite. L’offerta è in crescita e questo calmiera i prezzi. La zona più richiesta è il centro di Bolzaneto, in particolare via Zamperini e via Bettini perché sono poco trafficate, comode ai mezzi pubblici e dotate di tutti i principali negozi.

Nei palazzi signorili dei primi anni del ‘900, i prezzi sono di 1000 euro al mq, nei complessi condominiali degli anni ’60, con posto auto, il prezzo medio non supera 1800 euro al mq. Sulle colline di Murta e Gemiano si possono acquistare soluzioni indipendenti a 200 mila euro.

Positivo anche il mercato delle locazioni grazie anche alla presenza dell’Istituto Italiano di Tecnologia. I canoni vanno da 300 euro al mese per i tagli più piccoli a 550 euro al mese per quelli più grandi. Si stipulano contratti di natura concordata, a cui fa seguito l’applicazione della cedolare secca; gli studenti sottoscrivono contratti a canone transitorio. Si registra anche la presenza di lavoratori fuori sede che lavorano per il percorso Tav.

La macroarea di Voltri – Pegli – Sestri ha messo a segno una contrazione del 4,4 per cento. Tra i quartieri in ribasso ci sono Pegli-Lungomare e Sestri Ponente. Prezzi ancora in calo ma domanda in aumento nella zona del lungomare di Pegli. La motivazione è da ricercarsi in un aumento dell’offerta che deriva dalle numerose seconde case che gli eredi spesso decidono di vendere.

Il taglio più richiesto è l’appartamento di 90 mq, possibilmente dotato della vista mare e fornito di spazi esterni vivibili e spazio per parcheggiare, su cui impiegare al massimo 170-180 mila euro (ristrutturato). La domanda di appartamenti in affitto, invece, è molto bassa perché i mutui convenienti stanno spingendo le persone all’acquisto.

Piacciono gli immobili posizionati nella zona di Pegli Due dove, soluzioni degli anni ’80, si acquistano a 2000-2200 euro al mq. Sempre apprezzate le soluzioni fronte mare posizionate su lungomare di Pegli anche se spesso sono prive di ascensore. Una soluzione ristrutturata si scambia a prezzi medi di 2500-2600 euro al mq.

Alta la domanda di box auto che, nella parte bassa, costano 60 mila euro e in quella più alta circa 30 mila euro. La domanda di immobili in affitto si scontra con un’offerta più contenuta. Per un bilocale si spendono mediamente 400-500 euro al mese e si stipulano soprattutto contratti a canone concordato.

A Sestri Ponente il mercato è vivace ma i prezzi sono in diminuzione. L’offerta immobiliare della zona è prevalentemente popolare e la richiesta si orienta su appartamenti da 100 mq dal valore non superiore a 100 mila euro. L’offerta è abbondante sul territorio a causa di un ricambio generazionale in atto. Molti eredi preferiscono vendere piuttosto che mantenere la proprietà a causa degli elevati costi di gestione.

Questa zona è richiesta soprattutto da persone anziane che preferiscono la comodità dei mezzi pubblici e dei servizi a scapito della panoramicità e della tranquillità delle alture. Un appartamento del ‘900 da ristrutturare e senza ascensore costa circa 900-1000 euro al mq, mentre per una soluzione già ristrutturata il prezzo sale a 1300 euro al mq. Nelle traverse più tranquille di via Sestri, strada principale del quartiere, i valori immobiliari sono di 1500-1600 euro al mq per le soluzioni da ristrutturare.  Sul mercato delle locazioni si registrano canoni mensili compresi tra 300-400 euro per i bilocali e 500-550 per i trilocali. Numerosi i contratti di tipo transitorio di 6-12 mesi.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.