Installazione di un impianto elettrico nel box auto: le norme da rispettare

Installazione di un impianto elettrico nel box auto le norme da rispettare
Per l’installazione di un impianto elettrico nel box auto ci sono delle norme da rispettare, l’altezza minima da terra delle prese, il regolamento di condominio

L’impianto elettrico nel box auto è quanto di più comodo ci possa essere, oltre a garantire di poter parcheggiare la propria auto in tutta sicurezza in assenza di luce naturale.

Tuttavia, per l’installazione di un impianto elettrico nel box auto, è fondamentale rispettare la normativa vigente. A regolamentare l’installazione di un impianto elettrico nel box auto è la norma CEI 64-8 che impone che i principi d’installazione siano condotti alla cosiddetta “regola dell’arte”, che le prese siano situate oltre l’altezza minima da terra ed in generale tutte le misure di sicurezza da adottare.

Chi abita in un condominio sa che il box auto può essere considerato come una sorta di deposito di oggetti ingombranti che in casa è impossibile tenere, o semplicemente per parcheggiare la propria auto. In entrambi i casi, la norma CEI 64-8 stabilisce che il garage condominiale non si può usare come officina e vieta l’utilizzo di elettrodomestici al suo interno, anche se si tratta di piccoli lavori. La normativa, infatti, stabilisce che è espressamente vietato usare la rete elettrica del condominio per scopi privati, anche se di una semplice lampadina.

Qualche alternativaper poter avere la luce anche nel box auto condominiale, potrebbe essere, ad esempio, allacciarsi all’impianto elettrico della propria abitazione così da far rientrare i consumi del box auto nella bolletta di casa. Una soluzione da valutare bene poiché non è detto che si possa realizzare e sarebbe comunque costoso soprattutto se si tratta di piani alti.

L’altra soluzione potrebbe essere fare un allacciamento privato con regolare contratto di fornitura, ma anche in questo caso bisogna sempre fare i conti con i costi. Infine, un conta-scatti potrebbe essere la soluzione meno costosa ma, in questo caso, è necessario che ci sia l’approvazione dell’assemblea condominiale che sarà preceduta da una verifica sulla fattibilità.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.