Mercato immobiliare logistico: cresce l’interesse per i tagli superiori a 5mila mq

Mercato immobiliare logistico cresce l’interesse per i tagli superiori a 5mila mq
Il mercato immobiliare logistico è in costante crescita, particolare interesse per i tagli superiori a 5mila mq

Nel secondo semestre dello scorso anno, il mercato immobiliare logistico ha registrato una nuova crescita. E’ quanto emerge dal Borsino Immobiliare della Logistica H2 2018 di World Capital.

“Focalizzandoci sulla location prime di Milano è interessante evidenziare la variazione positiva del canone massimo di locazione del nuovo pari a +7,7 per cento rispetto ai valori registrati nel 2014, anno poco fortunato per l’immobiliare. Sempre nello stesso periodo, registriamo una crescita meno accentuata anche per la locazione dell’usato che nell’area di Milano si attesta a +4,2 per cento”, fanno sapere da World Capital.

Per meglio comprendere i trend dell’e-commerce, in questo numero sono presenti alcune testimonianze dirette di ALIS, Fedespedi, Amazon Locker e Tannico, relative non solo alla distribuzione e alla logistica, ma anche alla grande sfida della home delivery. Negli ultimi anni, infatti, gli operatori cercano soprattutto tagli superiore ai 5.000 mq, che corrisponde al 58 per cento della richiesta.

Per quanto riguarda i canoni di locazione di immobili nuovi, a Milano sono mediamente di 54 euro/mq/anno, a Roma e Bologna 50 euro/mq/anno, tutte destinazioni di grande appeal per i player della logistica.
 
I prime rent per la locazione del nuovo, invece, vengono registrati nelle aree di Genova e Firenze entrambe con un canone di locazione massimo di 60 euro/mq/anno. Va bene anche a Napoli e Olbia che registrano un canone di locazione medio del nuovo di 46 euro/mq/anno.

Sul fronte delle locazioni degli immobili usati, il comparto viene trainato prevalentemente dal Nord con le location prime di Milano (canone di locazione massimo di 50 euro/mq/anno), Genova e Bologna, entrambe con 45 euro/mq/anno. Buone anche la performance nel Centro della location prime di Firenze che raggiunge un canone di locazione massimo di 53 euro/mq/anno. Emergono anche alcune aree prime come Roma (canone di locazione massimo di 47 euro/mq/anno) e nel Sud di Napoli, Olbia e Catania, che raggiungono un canone di locazione massimo di 40 euro/mq/anno. La media nazionale nel secondo semestre si attesta a 40,87 euro/mq/anno.

Tra i canoni superiori alla media, si trovano le location prime di Firenze (12,38 euro/mq/anno), Milano (9,38), Genova (6,13) e Roma (5,88). Canoni inferiori alla media, invece, si riscontrano a Piacenza (-0,87 euro/mq/anno), Catania (-1,37 euro/mq/anno), Palermo e Livorno (-1,62 euro/mq/anno) e Cagliari (-1,87 euro/mq/anno).

Positivi i rendimenti lordi a: Bologna (6,3-7,2 per cento), Roma (6,2-7,2), Verona (6,4-7,3), Genova (6,5-7,2), Piacenza (6,5-7,4) e Catania (6,8-7,8). Milano, invece, registra i valori più bassi con un rendimento lordo che si aggira intorno al 6 per cento per gli immobili di nuova costruzione, nonostante ciò l’interesse resta alto.

Lucia Dattola, Dipartimento di Ricerca di World Capital: “L’e-commerce sta generando una grande propulsione per l’immobiliare logistico nazionale, soprattutto per quanto riguarda la locazione degli immobili nuovi. A contribuire alla buona salute del mercato immobiliare logistico nazionale, non è soltanto la crescita degli spazi immobiliari nuovi, ma anche la diminuzione del tempo medio delle trattative, che solo nell’11 per cento dei casi supera i 12 mesi. Per quanto riguarda il tasso di sconto applicato, invece, esso è generalmente compreso tra il 10 ed il 20 per cento”.
 

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.