Bonus ristrutturazione casa confermati nel 2019: tutte le proroghe

Bonus ristrutturazione casa confermati nel 2019: tutte le proroghe
Tutti i bonus ristrutturazione casa confermati nel 2019 dalla Legge di Bilancio, dalla manutenzione strordinaria agli sgravi per lʼefficienza energetica

Sono stati prorogati a tutto il 2019 i bonus ristrutturazione casa la cui scadenza era prevista al 31 dicembre dello scorso anno. La Legge di Bilancio ha confermato sia le regole di accesso alle detrazioni fiscali sia le percentuali. Una mossa vincente che ha permesso a molti italiani di ristrutturare la propria abitazione sapendo di poter contare su uno sgravio fiscale.

Dal 1998 le facilitazioni hanno incoraggiato gli intestimenti tanto che, secondo i dati forniti da Cresme, si parla di 292,7 miliardi di euro, dei quali 28,6 miliardi soltanto per il 2018.

Bonus ristrutturazioni edilizie: confermata la detrazione al 50 per cento (spalmata in 10 anni) per interventi di recupero edilizio: dalla manutenzione ordinaria alla sostituzione degli infissi, passando dalla sostituzione della porta blindata. Per le spese sostenute dal primo gennaio 2016 la detrazione per le ristrutturazioni immobiliari possono spettare anche al convivente more uxorio del possessore, anche in assenza di un contratto di comodato.

Bonus energia e sisma: continua lo sconto fiscale del 50 per cento per l’acquisto di caldaie con un tetto massimo di a 60mila euro, per le schermature solari (fino ad un massimo di 120mila euro); confermata anche la detrazione del 65 per cento per i pannelli solari e gli involucri degli edifici, del 75 per cento per le coibentazioni della parti comuni dei condomini che sale all’85 per cento se si riducono due classi di rischio sismico.

Bonus mobili: la condizione per usufruirne è che i mobili o i grandi elettrodomestici ad alto risparmio energetico siano destinati ad un’abitazione nella quale siano statoi effettuati lavori di ristrutturazione straordinaria: si recupera il 50 per cento di un importo massimo di 10mila euro al quale vanno tolte le somme già scontate nel 2017.

Bonus aree verdi: la sistemazione di aree private o condominiali dà diritto ad una detrazione d’imposta del 36 per cento per un importo non superiore a 5.000 euro. Sono incluse anche le spese di progettazione e manutenzione. Il bonus è utilizzabile per la sistemazione a verde balconi, cortili, giardini.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.