Bonus ristrutturazioni aggiornato dall’Agenzia delle Entrate: la nuova guida

Bonus ristrutturazioni aggiornato dall’Agenzia delle Entrate la nuova guida
Alcune novità per il bonus ristrutturazioni aggiornato dall’Agenzia delle Entrate, occcorre informare l’Enea dei lavori edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico realizzati nel 2018

L’Agenzia delle Entrate ha ggiornata la guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali”. Come noto, si può beneficiare di importanti agevolazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, sia per lavori effettuati sulle singole unità abitative sia quando gli interventi riguardano parti comuni di edifici condominiali.

Gli aggiornamenti dell’Agenzia delle Entrate riguardano il bonus ristrutturazioni del 50 per cento, ed inserisce le novità relative all’invio dei dati all’Enea per i lavori edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o l’utilizzo di fonti rinnovabili di energia.

La nuova guida, resa operativa da Enea lo scorso 21 novembre, spiega come operare per la trasmissione all’Enea delle informazioni necessarie ad ottenere le detrazioni fiscali del 50 per cento (bonus casa) e riprende l’elenco degli interventi soggetti all’obbligo di invio:

  • serramenti comprensivi d’infissi;
  • coibentazioni delle strutture opache;
  • installazione o sostituzione di impianti tecnologici tra cui collettori solari, generatori di calore con caldaie a condensazione, pompe di calore, sistemi ibridi, microcogeneratori (Pe<50kWe), scaldacqua a pompa di calore, generatori di calore a biomassa, sistemi di contabilizzazione del calore, sistemi di termoregolazione e building automation e impianti fotovoltaici;
  • elettrodomestici, solo se collegati ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1° gennaio 2017, come: forni, frigoriferi, lavastoviglie, piani cottura elettrici, lavasciuga e lavatrici.

La trasmissione dei dati dovrà avvenire entro 90 giorni a partire dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo; solo per gli interventi conclusi tra l’1 gennaio 2018 ed il 21 novembre 2018 il termine dei 90 giorni decorre da quest’ultima data, con scadenza 19 febbraio 2019.

Per semplificare la trasmissione delle informazioni, l’Enea, d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Agenzia delle Entrate, ha messo a punto una “Guida rapida alla trasmissione” con tutte le informazioni necessarie per l’invio dei dati.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.