Prezzi delle case ad ottobre: in crescita solo in alcune grandi città

Prezzi delle case ad ottobre in crescita solo in alcune grandi città
I prezzi delle case ad ottobre registrano nuovamente un calo, la crescita solo in alcune grandi città

Lento ma costante il ribasso dei prezzi delle case in Italia ad ottobre. Ad oggi, il prezzo medio delle abitazioni è di 1.759 euro al metro quadro. A fare il punto della situazione è idealista.it, che evidenzia la variazione negativa del -3,8 per cento rispetto al pari periodo dello scorso anno.

Tuttavia, le grandi città del centro-nord vanno verso la stabilizzazione ed i mercati più dinamici hanno registrato importanti aumenti: Milano (5,2 per cento), Firenze (2 per cento), Bologna (1,5 per cento) e Roma (0,4 per cento).

Sul fronte delle regioni, 12 su 21 hanno registrato ribassi, soprattutto nelle regioni del sud: Basilicata (-6 per cento) e Campania (-2,2 per cento), seguite dall’Umbria che segna un meno 1,9 per cento. Gli aumenti maggiori si sono registrati in Friuli Venezia Giulia (4 per cento), Sardegna (1,4 per cento) e Valle d’Aosta (1,3 per cento).

Come sempre è la Liguria a fare la differenza con i suoi 2.535 euro al metro quadro di media, a seguire la Valle d’Aosta (2.419 euroal metro quadro ) ed il Trentino Alto Adige (2.352 euro al metro quadro). Sul fondo alla classifica Calabria (888 euro al metro quadro), che precede il Molise (1.030 euro al metro quadro) e la Sicilia (1.091 euro al metro quadro).

Diversa è la situazione a livello provinciale che vede una prevalenza di variazioni positive in 67 delle 107 aree monitorate. Gorizia (7,3 per cento), Belluno (6,1 per cento) e Ravenna (3,9 per cento) guidano la classifica. I cali più rilevanti nelle province di Matera (-7,8 per cento), Rieti (-4,7 per cento) e Benevento (-4 per cento).

La provincia di Savona è la più cara (3.328 euro al metro quadro), a seguire Bolzano (3.157 euro al metro quadro) e Firenze (2.665 euro al metro quadro). La più economica è Biella, con 649 euro al metro quadro, davanti a Caltanissetta (726 euro) e Agrigento (785 euro).

Dopo Vibo Valentia (-7,2 per cento), Benevento (-4,3 per cento) è la città dove i prezzi sono calati di più a ottobre. I maggiori incrementi a Ferrara (5,3 per cento), Milano (5,2 per cento) e Cuneo (4,8 per cento). Crescono i valori anche a Firenze (2 per cento), Bologna (1,5 per cento) e Roma (0,4 per cento); stabili Torino e Cagliari; calo dei prezzi al sud, da Bari (-1 per cento) a Napoli e Palermo (-0,4 per cento).

Sempre prima in classifica Venezia (4.436 euro al metro quadro) quanto a prezzi più cari, seguita da Firenze (3.671 euro) e Milano (3.581 euro). Fanalini di coda Caltanissetta (702 euro), Biella (732 euro), Agrigento (839 euro al metro quadro).

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.