Mercato immobiliare di Napoli primo semestre: prezzi e compravendite in salita

Mercato immobiliare di Napoli primo semestre prezzi e compravendite in salita
Il mercato immobiliare di Napoli primo semestre vede aumentare i prezzi e le compravendite, molto richiesti monolocali e trilocali

Nel primo semestre dell’anno in corso, l’andamento del mercato immobiliare di Napoli è positivo, le quotazioni immobiliari hanno registrato un aumento dell’1,3 per cento. Segnali positivi anche sul fronte delle compravendite che nella prima parte dell’anno sono state 3.993 con un incremento del +6,8 per cento rispetto al pari periodo dello scorso anno.

A dirlo è l’analisi realizzata dall’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa che evidenzia un aumento della domanda con una maggiore concentrazione su monolocali e trilocali, questi ultimi più richiesti (38,2 per cento). L’offerta presente sul mercato di Napoli registra una maggiore presenza di trilocali (33,3 per cento) in discreto aumento rispetto a gennaio del 2018.

Nella macroarea del centro i valori immobiliari sono aumentati dell’1,9 per cento in seguito all’andamento della zona dei Quartieri Spagnoli e di via Toledo dove si acquistano sia prima casa sia immobili per avviare attività di B&B oppure da affittare a studenti. Bassa la richiesta di prima casa da parte delle famiglie perché prevalgono stabili privi di ascensore e ci sono poche aree per parcheggiare.

Molto richiesti gli appartamenti in affitto per la presenza dell’Accademia delle Belle Arti, della Facoltà di Architettura e di diverse fermate della metropolitana che collegano bene la zona al resto della città. Ad acquistare con finalità turistico-ricettive sono soprattutto investitori del posto, con un budget medio inferiore a 100 mila euro, che si indirizzano su case di ogni dimensione.

Piacciono sia le zone signorili che si sviluppano su via Toledo sia quelle più popolari dei Quartieri Spagnoli. In questi ultimi i prezzi si aggirano intorno a 1000-1200 euro al mq e si possono trovare anche i “bassi”, tipiche abitazioni napoletane spesso acquistate per uso investimento.

Stabili i prezzi immobiliari della macroarea Collina. Nel quartiere di Foria si registra un mercato vivace, con prevalenza di acquisti per investimento da parte di risparmiatori che intendono avviare attività di B&B ed affittacamere per turisti. Quasi sempre si tratta di napoletani che impiegano cifre sotto i 100 mila euro.

Un leggero aumento dei valori (+0,9 per cento) si segnala per la macroarea di Vomero-Arenella. Nel quartiere popolare di Sanità si muovono risparmiatori che impiegano mediamente tra 45 e 65 mila euro per l’acquisto di bilocali da mettere a reddito grazie ad una buona richiesta di soluzioni in locazione da parte di cingalesi. Il canone di un bilocale si attesta tra 300 e 350 euro al mese.

Sostanzialmente stabili i prezzi delle case nella macroarea di Posillipo-Chiaia-San Ferdinando. A Posillipo si realizzano soprattutto acquisti migliorativi, ora possibili grazie al ribasso dei prezzi degli ultimi anni. L’offerta immobiliare è qualitativamente elevata e le famiglie che comprano l’abitazione principale si focalizzano su trilocali dotati di vista panoramica sul golfo e possibilmente di discesa diretta al mare. Su via Petrarca si possono acquistare a 5000-5500 € al mq. Prestigiosa via Posillipo, dove si trovano immobili storici e signorili e si toccano top prices di 6000-6500 euro al mq.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.