Mutui primo semestre 2018 in Lombardia: aumenta l’erogato, record del tasso fisso

Mutui primo semestre 2018 in Lombardia aumenta l’erogato, record del tasso fisso
L’andamento dei mutui primo semestre 2018 in Lombardia vede aumentare l’importo medio erogato, trionfa il tasso fisso, cresce la percentuale degli under 35

Secondo i dati dell’osservatorio congiunto Facile.it – Mutui.it, in Lombardia i potenziali mtuatari chiedono finanziamenti di importo inferiore rispetto agli anni passati, ma è aumentato il valore medio dei mutui concessi dalle banche. Questo è quanto emerge dall’analisi realizzata su un campione di oltre 17.000 domande di mutuo raccolte nella regione nell’ultimo anno.

In buona sostanza, nel primo semestre dell’anno in corso, l’importo medio richiesto dagli aspiranti mutuatari lombardi è pari a 138.862 euro, attualmente si registra una diminuzione dell’1,8 per cento rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno, quando l’importo medio effettivamente erogato dalle banche ha registrato un aumento del 3,63 per cento, arrivando a 135.800 euro.

L’aumento degli importi medi erogati, spiega l’analisi, è influenzato dal Loan To Value (la percentuale di immobile finanziata tramite mutuo), che nel primo semestre dello scorso anno si attestava a poco più del 63 per cento, ed è oggi salito al 65,6 per cento.

Si allunga anche la durata del mutuo, da una media di 21 anni e 11 mesi è passata a 22 anni e 5 mesi. Ancora una volta, raccontano i dati, gli italiani si mantengono su livelli di prudenza e preferiscono una rata mensile certa, tanto che per finanziamenti a lunga durata i lombardi optano per il tasso fisso, favoriti dai tassi ancora ai minimi storici. Nel primo semestre dello scorso anno, infatti, la percentuale degli aspiranti mutuatari lombardi che sceglievano il tasso fisso era del 69,1 per cento del totale, nel pari periodo dell’anno in corso è arrivata al 75,9 per cento.

Gli istituti di credito hanno recentemente aperto le porte anche ai più giovani proponendo offerte favorevoli, tanto che in regione si è verificato un aumento del peso percentuale dei richiedenti under 35 sul totale; dal 33,1 per cento del primo semestre dello scorso anno, nei primi mesi dell’anno in corso si è arrivati al 38,4 per cento.

Infine, a livello provinciale, gli importi medi più alti sono stati richiesti a Milano (151.631 euro), Como (145.117 euro), Monza e Brianza (133.405 euro) e Brescia(132.760 euro); i più bassi a Mantova (106.780 euro) Lodi (112.620 euro) e Pavia (114.722 euro).

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.