Affitti brevi case vacanza da record: 52 per cento dell’offerta ricettiva

Affitti brevi case vacanza da record 52 per cento dell’offerta ricettiva
Gli affitti brevi case vacanza da record in Italia, il 52 per cento dell’offerta ricettiva nazionale, forte crescita in Campania e Basilicata con Matera al top, i dati di Solo Affitti Brevi

Si può acquistare la seconda casa per trascorrere le proprie vacanze ma anche come forma di investimento da mettere a reddito, soprattutto sfruttando il grande successo degli affitti brevi degli ultimi anni.

Infatti, si può parlare di vero e proprio boom che si è andato mano a mano consolidando, con una crescita costante che va avanti ormai da oltre dieci anni, fino a raggiungere quest’anno la quota 107.366.

Secondo i dati diffusi dal portale Solo Affitti Brevi, rappresentano più della metà, il 52 per cento dell’offerta ricettiva nel nostro Paese. Tra le regioni che hanno manifestato più vivacità negli ultimi dieci anni c’è la Campania (+790 per cento), da 819 a 7291, seguita dalla Basilicata, dove sotto l’effetto Matera il numero di queste strutture è aumentato di oltre sette volte (+645 per cento, da 74 a 551), e dalla Lombardia, dove gli appartamenti per le locazioni turistiche sono incrementati del 482 per cento (5626 strutture).

Protagoniste di questo continuo aumento anche altre regioni italiane dalla forte vocazione turistica. Secondo l’indagine di Solo Affitti Brevi, queste strutture sono fortemente aumentate anche in Emilia-Romagna (+378 per cento) dove sono quasi quintuplicate, passando da 1700 a 8124, mentre nel Lazio (+238 per cento, da 1551 a 5235 ) e in Puglia (+212 per cento, da 498 a 1554) sono più che triplicate.

Le case e gli appartamenti destinati alle locazioni brevi sono più che raddoppiati in Calabria (+157 per cento, da 143 a 368), Sardegna (+152 per cento, da 310 a 780) e Sicilia (+109 per cento, da 754 a 1574).

Le uniche regioni italiane che hanno visto la riduzione del numero di case vacanza sono il Friuli Venezia Giulia (-35 per cento, da 8169 a 5299), dove comunque queste strutture rappresentano il 74 per cento dell’offerta ricettiva turistica totale, e il Trentino Alto Adige (-3 per cento, da 3683 a 3570). Offerta molto ampia in Veneto, dove l’89 per cento strutture ricettive sono rappresentate da case per gli affitti brevi (cresciute del 34 per cento tra il 2008 e lo scorso anno, da 41585 a 55851). Complessivamente in questi anni il numero dei posti letto in case vacanza è cresciuto in Italia del 22 per cento arrivando agli attuali 890.172.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.