Turistico mare Liguria estate 2018: valori in calo del 2 per cento

Turistico mare Liguria estate 2018 valori in calo del 2 per cento
Il mercato turistico mare Liguria estate 2018 segnala valori immobiliari in calo del 2 per cento, ne risente maggiormente la provincia di Savona

L’analisi dell’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa, nello speciale dedicato al mercato immobiliare delle località turistiche mare del Nord Italia, ha evidenziato che i valori immobiliari in Liguria, nella seconda parte dello scorso anno, hanno registrato una contrazione del 2 per cento. I comuni della provincia di Savona segnalano il ribasso più forte con -3,9 per cento, a seguire quelli della provincia di Genova con -3,0 per cento. Stabili le località dell’imperiese.

Nella provincia di Genova, il calo registrato è stato del 3 per cento. Leggera riduzione dei prezzi nel Centro Storico di Chiavari per un eccesso di offerta sul mercato. Il ribasso ha interessato le tipologie da ristrutturare e ciò ha comunque determinato una buona domanda di immobili da utilizzare anche come casa vacanza. Gli acquirenti si orientano su bilocali e trilocali su cui investire cifre non superiori a 200 mila euro. Piacciono le soluzioni con riscaldamento autonomo ed uno spazio esterno abitabile.

Tornano ad acquistare anche gli investitori per mettere a reddito l’immobile sia per affitti stagionali sia per affitti di lunga durata (per un bilocale di 4 posti letto si spendono 1000 euro a giugno e settembre, 1500 euro a luglio, 2000 euro ad agosto). Il tratto di Lungomare è quello più costoso. Per palazzi ristrutturati degli anni ’60-’70 con fronte mare si toccano punte di 5000-6000 euro al mq. Prezzi che scendono se l’immobile si affaccia sulla ferrovia che costeggia il lungomare. In questo caso i prezzi arrivano a 2000-3000 euro al mq (ristrutturato).

Stabili i valori immobiliari a Chiavari-Ponente. Rispetto ad un anno fa si registra un aumento delle richieste e delle transazioni, anche se il budget è sempre più ridotto. Si destina alla seconda casa un importo compreso tra 100 e 200 mila euro. Le quotazioni in zone semi centrali oscillano da 1500 a 2000 euro al mq. Sulla seconda casa la richiesta si orienta su piccoli tagli. La zona più ambita da chi cerca la casa vacanza è corso Italia, corso Valparaiso, corso Genova dove per immobili in condomini degli anni ’60-’70 posizionati fronte mare si raggiungono 5000 euro al mq. Da segnalare anche una discreta richiesta di soluzioni indipendenti, con giardino, che si trovano prevalentemente nell’entroterra.

Scendono leggermente i prezzi a Lavagna e questo sta ridando slancio al mercato della casa vacanza che, in questa località, concentra la maggioranza delle richieste, che si orientano su bilocali o trilocali, possibilmente termoautonomi e dotati di spazio esterno vivibile e su cui impiegare 150-170 mila euro. I prezzi toccano punte di 3400-3500 euro al mq se gli immobili sono ristrutturati, posizionati ai piani alti ed hanno la vista sul mare. Si scende a 2000-2500 euro al mq per strade più interne.

Il mercato immobiliare di Cavi di Lavagna registra prezzi in contrazione. Acquistano la casa vacanza con budget limitati non sufficienti per indirizzarsi in altre località di mare. Negli ultimi tempi c’è stato un aumento degli acquirenti di prima casa che, da località limitrofe più costose, si spostano qui per acquistare.

Prezzi in leggero calo nella zona di Rapallo che si sviluppa intorno a via Mameli. Per il resto il mercato segnala stabilità di valori. Il budget si aggira intorno a 100 mila euro. La maggioranza delle transazioni di seconda casa si realizza nel centro storico della città.I comuni della provincia di Savona hanno segnalato un ribasso del 3,9 per cento.

Stabili i valori a Celle Ligure. Negli ultimi mesi si registra un incremento di transazioni di prima casa, visto il ridimensionamento dei prezzi negli ultimi anni e la maggiore disponibilità degli istituti di credito a erogare mutui. La ricerca della seconda casa si indirizza su bilocali e trilocali su cui investire non più di 200-250 mila euro e si concentra, in particolare, nella fascia entro i 500 metri dal mare.

A Noli esiste un mercato immobiliare d’elite che si caratterizza per la presenza di acquirenti con un’ottima disponibilità di spesa da 200 a 300 mila euro. Parliamo di un borgo marinaro che attira acquirenti che arrivano dalla Lombardia e dal Piemonte. Ultimamente si registra anche un ritorno di stranieri che scelgono la cittadina per trascorrere le vacanze. Ai potenziali acquirenti piacciono sia le abitazioni situate all’interno del borgo sia quelle indipendenti posizionate nelle aree collinari. Qui si trovano infatti soluzioni di prestigio, ville importanti che possono arrivare anche a 1 milione di euro.

Altra zona esclusiva è quella di Bergeggi dove tra l’altro si registrano non solo acquisti di casa vacanza ma anche di prima casa ad opera di residenti a Savona. Ci sono anche delle nuove costruzioni ed il nuovo fronte mare si vende a 5000 euro al mq. Il fronte mare ristrutturato ha quotazioni medie di 3000-4000 euro al mq.

A Varazze le richieste arrivano prevalentemente da residenti in Lombardia e Liguria. Alcune anche dalla Francia e dalla Svizzera. L’interesse per la seconda casa è in ripresa e molti scelgono di investire i loro capitali su questo asset. La richiesta si orienta su trilocali con posto auto e vista mare per i quali si deve considerare una spesa media di 300 mila euro. La vicinanza al centro o comunque ai servizi sono due elementi importanti della richiesta.

Il mercato immobiliare di Varazze si presenta concentrato in tre zone: quella di Levante, quella del centro storico-stazione-porto e quella interna che si sviluppa lungo il fiume di Varazze. Nella prima si registrano le quotazioni più basse, intorno a 2000-2500 euro al mq, . Il fronte mare ha valori medi di 5000 euro al mq. La zona del lungo fiume ha quotazioni intorno a 2000-2500 euro al mq mentre l’area di levante presso il lungomare Europa supera i 2500 euro al mq.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.