Esenzione pagamento Imu e Tasi: quali sono le categorie catastali

Esenzione pagamento Imu e Tasi quali sono le categorie catastali
Qualche chiarimento sull’esenzione pagamento Imu e Tasi a pochi giorni dalla scadenza, le categorie catastali esenti dall’imposta sulla casa

Si potrebbe definire il giorno più bello per gli italiani se non si trattasse di una scadenza che tocca le tasche dei contribuenti fin troppo maltrattate. Fra qualche giorno, infatti, è fissata la scadenza del pagamento di Imu e Tasi.

Per le imposte sulla casa non esattamente amate, tuttavia, c’è una via d’uscita in base alla categoria catastale alla quale appartiene l’immobile per il quale è dovuto il versamento di Imu e Tasi. Innanzituto, l’esenzione spetta se si tratta di immobili adibiti ad abitazione principale che rientra nelle categorie catastali: A/2 abitazioni di tipo civile; A/3 abitazione di tipo economico; A/4 abitazioni di tipo popolare; A/5 abitazioni di tipo utrapopolare; A/6 abitazioni di tipo rurale; A/7 villini.

Va invece versata l’Imu per gli immobili definiti di lusso, vale a dire che rientrano nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 (case signorili, ville e castelli). C’è una differenza tra la categoria catastale A/7, che non paga l’Imu, e la categoria A/8 per la quale va versata l’imposta. In buona sostanza, il catasto fa distinzione tra ville e villini.

Il villino, secondo la categoria A/7 è un fabbricato, anche se suddiviso in unità immobiliari, con caratteristiche costruttive, tecnologiche e rifiniture proprie di un fabbricato di tipo civile o economico. In più deve essere dotato, per tutte o parte delle unità immobiliari, di aree esterne ad uso esclusivo.

Per abitazioni in ville, secondo la categoria A/8, si devono intendere gli immobili caratterizzati essenzialmente dalla presenza di parco e/o giardino, edificate in zone urbanistiche destinate a tali costruzioni o in zone di pregio con caratteristiche costruttive e di rifiniture, di livello superiore all’ordinario.

Non c’è via di scampo per il versamento dell’imposta sulla casa per i proprietari di un immobile diverso dall’abitazione principale, in pratica, sulla seconda casa si paga.

Add Comment