Vacanze 2018 degli italiani: il 32 per cento sceglie la casa vacanze

Vacanze 2018 degli italiani il 32 per cento sceglie la casa vacanze
Per le vacanze 2018 degli italiani, il 32 per cento scegliera una casa vacanza, cresce del 2 per cento il budget, gettonato anche lo scambio di case

E’ ormai tempo di parlare di vacanze anche se il meteo non ci fa’ ancora sentire in piena estate, ma sembra che sei italiani su dieci abbiano deciso di prendersi una pausa dopo un lungo anno lavorativo. A rivelarlo è la 18esima edizione del Barometro Vacanze Ipsos-Europ Assistance, l’appuntamento annuale che analizza le intenzioni vacanziere dei cittadini europei.

Per quanto riguarda gli italiani, il quadro tracciato non è affatto scoraggiante. Stando ai dati, infatti, la percentuale che ha nei progetti una vacanza è del 62 per cento, solo un punto percentuale in meno rispetto ad un anno fa e, se cosideriamo l’insicurezza che aleggia su tutto il territorio nazionale, si può sperare che la situazione stia migliorando essendo ancora in linea con la media europea (64 per cento).

Il calo registrato non è eccessivo ma, se si fa un confronto con la percentuale del 2014, quando soltanto il 52 per cento degli italiani dichiarava di potersi permettere una vacanza, si può sicuramente dire che le cose stanno cambiando.

Viaggiare significa soprattutto avere a disposizione un budget di spesa, ed anche in questo caso le percentuali crescono, rispetto allo scorso anno, l’analisi rivela essere del +2 per cento, anche se rimane più basso rispetto alla media europea, vale a dire 1.776 euro pro capite contro 1.957, cifra che tiene però conto anche di Paesi fuori dalla zona euro.

Nonostante il Bel Paese sia ricchissimo di luoghi molto interessanti da visitare e, diciamolo, gli stessi italiani poco li conoscono, sembra che, rispetto al passato, meno connazionali sceglieranno la nostra bella Penisola (il 52 per cento, meno quattro punti rispetto allo scorso anno). Tra le mete estere preferite rimane la Spagna, seguita da Francia e Grecia. Lo stesso discorso vale anche per i vacanzieri stranieri che non sempre scelgono l’Italia come destinazione.

Possiamo comunque contare sull’ottima reputazione di cui godiamo: la maggior parte degli europei considera l’Italia come il Paese più romantico, più ricco culturalmente, migliore in fatto di enogastronomia e arte. Siamo inoltre considerati fra i più amichevoli anche se ci supera la Spagna. Tutte qualità che rappresentano un ottimo biglietto da visita per chi ha una seconda casa da affittare ad uso turistico.

Secondo l’analisi, la casa vacanze sarà scelta dal 3 per cento dei vacanzieri. I più inclini a sceglierla sono, in particolare, i turisti francesi. In vetta alle preferenze per tutte le altre nazionalità rimane invece l’albergo (47 per cento), sale anche la popolarità dei B&B (+2 per cento) che per i turisti italiani si piazza in terza posizione dopo hotel e casa vacanze.

La nuova generazione dei millennial ha una particolare predilizione per i nuovi modi di fare vacanza, sono infatti molto interessati all’affitto di una casa privata (59 per cento dei millennial europei), una stanza in una casa privata (34 per cento) e scambio di case tra persone (20 per cento).

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.