Come si muovono sul mercato acquirenti e venditori: aumentano gli investimenti

Come si muovono sul mercato acquirenti e venditori aumentano gli investimenti
Lo studio indaga su come si muovono sul mercato acquirenti e venditori, quali case acquistano o vendono, oltre la metà degli acquirenti ha tra 18 e 44 anni, si vende per avere liquidità o migliorare il tenore di vita, aumenta la percentuale di chi acquista per investimento

Uno studio realizzato dalle agenzie affiliate al Gruppo Tecnocasa e Tecnorete ha riguardato le compravendite concluse lo scorso anno tramite le agenzie affiliate, analizzando sia il profilo del compratore che del venditore e le motivazioni che spingono ad acquistare o vendere un immobile.

La ricerca dell’Ufficio Studi Tecnocasa ha evidenziato che il 76,2 per cento delle compravendite ha riguardato l’abitazione principale, il 18,0 per cento degli acquirenti lo ha fatto ad uso investimento ed il 5,8 per cento ha comprato la casa vacanza. Rispetto all’anno precedente si registra un leggero aumento della percentuale di acquisti per investimento che passa dal 17,4 per cento all’attuale 18,0 per cento.

Nel 56,7 per cento dei casi a comprare l’abitazione sono persone con un’età media compresa tra 18 e 44 anni, inoltre,il 21,3 per cento di acquirenti fa parte della fascia di età compresa tra 45 e 54 anni, le percentuali diminuiscono con l’aumentare delle fasce di età.

Gli acquisti conclusi attraverso le agenzie del Gruppo Tecnocasa sono stati effettuati soprattutto da coppie e coppie con figli che compongono il 71,5 per cento del campione, mentre è più bassa la quota di acquirenti single che si ferma al 28,5 per cento.

L’analisi del venditore, invece, rivela che lo scorso anno la maggior parte delle persone ha venduto per reperire liquidità (55,9 per cento), seguiti da coloro che hanno venduto per migliorare la qualità abitativa (32,2 per cento) ed infine da chi si è trasferito in un altro quartiere oppure in un’altra città (11,9 per cento). Rispetto all’anno precedente, aumenta la percentuale di coloro che vendono per reperire liquidità. Si passa infatti dal 51,3 per cento all’attuale 55,9 per cento.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.