Come sognano la casa gli italiani: comfort batte tecnologia e design

Come sognano la casa gli italiani comfort batte tecnologia e design
La ricerca su come sognano la casa gli italiani svela che il comfort prevale su tecnologia e design, le donne guardano al dettaglio ed al benessere abitativo

Non è certo un mistero che per gli italiani la casa è un bene al quale non vogliono rinunciare, piccola o grande che sia, il sogno di acquistarla è una priorità, se poi si riesce a trovare anche la qualità sperata, è ancora meglio.

Secondo la ricerca semestrale di Instapro.it, il Barometro dei servizi per la casa, per il 64 per cento degli italiani le caratteristiche fondamentali che spingono ad acquistare la loro casa ideale sono confort e benessere abitativo. L’indagine è stata condotta su un panel di italiani tra 30 e 65 anni, residenti nelle più grandi città italiane.

In tempi attuali, si sa, quel che conta è l’immagine ma soltanto il 7 per cento degli intervistati segue il design all’ultima moda proposto dalle riviste patinate. Il 29 per cento ritiene che la casa del futuro debba essere tecnologica e funzionale per facilitare la vita quotidiana, ben più alta la percentuale degli italiani che mettono al primo posto il comfort ed il benessere abitativo, così ha risposto il 64 per cento degli italiani. Il 70 per cento di questa percentuale sono donne che prestano molta attenzione per i dettagli e le innovazioni che possono aumentare la qualità della vita.

Il 63 per cento degli italiani considera la casa come luogo in cui ci si può rilassare e rigenerare, il 21 per cento degli intervistati usa il termine “rifugio” per indicare la casa veramente confortevole. Poichè noi italiani siamo un popolo molto ospitale, il 35 per cento degli intervistati desidera una casa accogliente per amici e familiari.

I risultati dell’indagine Insptpro.it dimostrano, inoltre, che i nostri connazionali investono ma non sprecano per rendere la casa il più possibile ospitale. Negli ultimi sei mesi, evidenzia il report, fra i lavori di casa più frequenti ci sono la tinteggiatura delle pareti, che conquista il primo posto, seguita da lavori di idraulica e manutenzione di infissi e serramenti.Nei prossimi sei mesi, fino ad ottobre 2018, le previsioni darebbero per confermata la tinteggiatura, seguita dalla manutenzione degli infissi e dei serramenti e la ristrutturazione generale della casa. Infine, anche se meno presi in considerazioe, il giardinaggio e l’antifurto-videosorveglianza.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.