Quanti anni di stipendio per comprare casa: in aumento in alcune città

Quanti anni di stipendio per comprare casa in aumento in alcune città
L’indagine su quanti anni di stipendio per comprare casa rivela che l’aumento dei prezzi ha fatto rialzare le annualità necessarie in alcune città italiane

Per qualche anno, visto l’andamento del mercato immobiliare italiano, le annualità di stipendio necessarie per acquistare un’abitazione erano in ribasso ma, qualcosa sta cambiando, tanto che in alcune città italiane iniziano a salire.

A fare il punto della situazione è l’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa che ha svolto un’indagine a livello nazionale. L’analisi si basa sui dati raccolti dalle agenzie affiliate nelle grandi città e si riferiscono al gennaio dell’anno in corso, tenendo in considerazione il prezzo al metro quadro di un medio usato e alle retribuzioni contrattuali annue di cassa per dipendente (al netto dei dirigenti) a tempo pieno per attività economica e contratto, al lordo delle trattenute fiscali e previdenziali, ricavate dalla banca dati Istat.

Ipotizzando che il reddito familiare sia destinato interamente all’acquisto di un’abitazione di 85 metri quadri, i risultati evidenziano che sono necessarie 6,2 annualità di stipendio per comprare casa, sostanzialmente tante quante ne servivano lo scors annoo. Le novità si riscontrano a livello locale: la ripresa dei prezzi ha portato ad un aumento delle annualità di stipendio necessarie per acquistare un’abitazione di seconda mano.

Tra le grandi città interessate ci sono Bologna, Firenze, Milano e Verona. La Capitale scende sotto la soglia delle 10 annualità, nel 2007 occorrevano 14,8 annualità di stipendio per acquistare casa, attualmente la soglia è di 9,8. Al secondo posto troviamo Milano con 9,2 annualità ed infine Firenze con 8,6. A Palermo e Genova, invece, ne servono meno: 3,8 annualità per entrambe.

Trascorsi 10 anni, il confronto a livello nazionale mostra che la differenza è stata meno consistente, infatti si è passati da 10,2 annualità nel 2007 a 6,2 dello scorso anno. In questo lasso temporale Roma e Milano hanno avuto le variazioni più consistenti con rispettivamente -5 e -4,9 annualità a testa.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.