Le case in affitto sempre più richieste: ma continua a dominare la proprietà

Le case in affitto sempre più richieste ma continua a dominare la proprietà
Negli ultimi anni le case in affitto sempre più richieste a livello globale, secondo i dati Ocse, però, domina la proprietà

Le richieste di abitazioni in affitto continuano ad aumentare in tutti i Paesi sviluppati e, secondo i dati Ocse, negli anni della forte crisi, tra il 2010 e il 2015 si è registrata la maggior crescita, a partire da Regno Unito, Irlanda e Danimarca. Tuttavia, la casa di proprietà continua ad essere la scelta principale ad eccezione della Svizzera che, nonostante possa contare sui redditi pro capite più alti nel mondo, continua a prediligere l’affitto all’acquisto.

La crisi economica mondiale tra il 2007 ed il 2008 ha costretto sempre più famiglie a scegliere di andare a vivere in affitto, anche se possedere la casa in cui si vive è ancora la scelta principale in 29 dei 30 Paesi sviluppati studiati dall’Ocse.

Lo studio, riportato da idealista.it, ha evidenziato alcuni fattori che hanno segnato il mercato immobiliare in tutto il mondo negli ultimi anni, fra cui la difficoltà di accedere ad un mutuo per l’acquisto di una casa, la disoccupazione e la quasi impossibilità a trovare una un’occupazione stabile. Una crisi economica che ha visto l’ingresso dei Millennial nel mercato del lavoro ed il ritardo nell’emancipazione dei giovani dalle loro famiglie.

Nel periodo 2010-2015, la maggior richiesta di abitazioni in affitto si è registrata nel Regno Unito (21,6 per cento), Irlanda (12,3 per cento) e Danimarca (11,6 per cento). In ben 21 Paesi, dei 30 analizzati, sono aumentate le case in affitto. Spiccano Stati Uniti (9,3 per cento), Spagna (7,9 per cento) e Germania (2,7 per cento).

Nello stesso periodo, al contrario, grandi potenze economiche hanno visto il crollo degli affitti, fra queste, in Russia con una diminuzione del 27,5 per cento. Oltre a Francia (-5,5 per cento), Canada (-4 per cento), Italia (-1 per cento) e il Giappone (-0,9 per cento) .

In 29 dei 30 Paesi, la casa di proprietà vince sull’affitto. Solo in Svizzera si registra una percentuale maggiore di inquilini (56,6 per cento), seguono Hong Kong (49 per cento), Germania (48,1 per cento), Corea del Sud (44,8 per cento) e Austria (44,3 per cento).

Sempre secondo i dati Ocse, in Spagna il 21,8 per cento della popolazione vive in affitto, una delle percentuali più basse dei 30 Paesi analizzati, solo davanti a Norvegia, Polonia, Russia, Slovacchia e Singapore