Amministratori di condominio e invio dati precompilata: proroga al 9 marzo

Amministratori di condominio e invio dati precompilata proroga al 9 marzo
Proroga per gli amministratori di condominio e invio dati precompilata al 9 marzo, qualche giorno in più per la comunicazione ufficiale delle spese di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico dei condomini

Gli amministratori di condominio tirano un sospiro di sollievo, è ufficiale la proroga della scadenza per la comunicazione ristrutturazione dei condomini, il termine slitta dal 28 febbraio al 9 marzo, secondo il provvedimento pubblicato dall’Agenzia delle Entrate.

Fra gli obbligi degli amministratori di condominio c’è la trasmissione dei dati relativi alle spese di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico effettuati sulle parti comuni del condominio lo scorso anno, in modalità telematica ed utilizzando i software di compilazione e controllo aggiornati dall’Agenzia delle Entrate il 13 febbraio 2018. La proroga si è resa necessaria a causa delle difficoltà incontrate nell’espetare tale formalità.

Il nuovo termine, fissato con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, in accordo con il Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, è stato attuato per venire incontro alle esigenze manifestate dalle associazioni di categoria rappresentative dei soggetti obbligati alla trasmissione e non comprometterà la tempistica per l’elaborazione della dichiarazione precompilata.

Le nuove istruzioni pubblicate dall’Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 6 febbraio 2018 sono state aggiornata con le novità relative alla possibilità di cessione del credito per i condomini incapienti.

Questo è quanto dispone il provvedimento pubblicato dall’Agenzia delle Entrate il 27 febbraio 2018: “In deroga a quanto previsto dall’articolo 2 del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 1° dicembre 2016, concernente la trasmissione telematica dei dati relativi agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati su parti comuni di edifici residenziali, esclusivamente con riferimento alle spese sostenute nel 2017, i soggetti individuati dall’articolo 2 del citato decreto trasmettono i dati relativi alle spese sostenute dal condominio con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali, nonché con riferimento all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di ristrutturazione, entro il 9 marzo 2018.”