Investimenti immobiliari nello Student Housing: sempre più una necessità

Investimenti immobiliari nello Student Housing sempre più una necessità
Gli investimenti immobiliari nello Student Housing sembrano essere sempre più urgenti in Italia, l’alloggio per gli studenti in Europa è una realtà da molti anni

Gli studenti fuori sede hanno da sempre avuto problemi nel trovare alloggi e posti letto a portata di tasca delle famiglie che provvedono alle loro necessità. In Italia, purtroppo, questo particolare settore immobiliare stenta molto a decollare.

La situazione è molto diversa in Europa, basti pensare negli ultimi 10 anni i volumi risultano essere in forte crescita, registrando un incremento molto significativo. Secondo le stime, inoltre, nel nostro Paese sono circa 75.000 i posti letto che attualmente mancano.

Il problema degli alloggi non sembra trovare una soluzione, come ricorda Marco Leone di Nomisma, società di consulenza bolognese: “L’offerta è fortemente in difetto rispetto ai bisogni abitativi degli studenti iscritti non residenti”. Inoltre, con l’aumento dei corsi interamente in lingua inglese, appare evidente che è necessario correre ai ripari.

La mancanza di abitazioni esclusivamente dedicate alle esigenze degli studenti, però, sembra aver suscitato l’interesse degli investitori in questo ambito. Si calcola che per adeguare l’offerta servirebbero investimenti per circa quattro miliardi di euro.

Alcuni operatori internazionali hanno coinvolto principalmente Milano, Bologna e Venezia. A Milano, in zona Bocconi, il gruppo statunitense Hines, ha dato inizio alla realizzazione di due strutture dedicate esclusivamente allo Student Housing. Tra le città nel mirino degli investitori anche Genova, Verona, Pisa e, al sud, Napoli, Catania e Palermo. Inoltre, The Student Hotel sta già realizzando quattro strutture a Bologna e Roma e due a Firenze, per un investimento di oltre 250 milioni di euro.

Nomisma mette inoltre in evidenza che “le residenze per studenti costituiranno, nel prossimo futuro, un importante elemento di sviluppo del settore immobiliare”. In Italia, ricorda la società di consulenza bolognese, le soluzioni abitative dedicate esclusivamente agli studenti universitari fuori sede sono in gran parte gestite dalle istituzioni scolastiche e da enti privati riconosciuti.