Calano ancora i prezzi delle case dati Istat:-15,2 per cento dal 2010

Calano ancora i prezzi delle case dati Istat -15,2 per cento dal 2010
Nel terzo trimestre calano ancora i prezzi delle case dati Istat confermano un ribasso dello 0,8 per cento rispetto all’anno precedente

Si torna a parlare dei prezzi delle case che registrano un ulteriore calo nel terzo trimestre dello scorso anno. Stando a quanto dicono le stime preliminari dell’Istat, i prezzi delle abitazioni in Italia sono diminuiti dello 0,8 per cento rispetto allo scorso anno.

Il decremento è conseguenza di un ribasso dei valori delle case di seconda mano che registrano un segno negativo dell’1,3 per cento, al contrario degli immobili di nuova costruzione che recuperano lo 0,6 per cento. In buona sostanza, dal 2010 i prezzi delle case hanno visto una flessione che supera il 15 per cento.

Dal confronto con i dati delle abitazioni del trimestre precedente, emerge che la diminuzione accertata è dello 0,5 per cento rispetto al trimestre precedente; il ribasso congiunturale dei prezzi è dovuto quasi interamente alle abitazioni di seconda mano che si riducono dello 0,7 per cento, mentre quelle nuove salgono dello 0,3 per cento.

La diminuzione dei prezzi si attesta al -0,8 per cento su base annua, inferiore al trimestre precedente quando era dello -0,2 per cento. Il tasso di variazione acquisito per lo scorso anno rimane negativo (-0,4 per cento), nel trimestre precedente -0,1 per cento.

Come spiega Istat: ”il calo tendenziale dei prezzi delle abitazioni si manifesta contestualmente a una crescita del numero di immobili residenziali compravenduti (+1,5 per cento rispetto al terzo trimestre del 2016, secondo i dati dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate), ininterrotta dal secondo trimestre 2015 ma che si riduce di ampiezza per il quinto trimestre consecutivo“.

Rispetto alla media del 2010, primo anno per il quale è disponibile lo storico dell’Istat, nel terzo trimestre dello scorso anno i prezzi delle case sono diminuiti del 15,2 per cento (-2 per cento le abitazioni nuove, -20,5 per cento le esistenti). Il calo dei prezzi delle abitazioni si manifesta contestualmente alla crescita dei volumi di compravendita del residenziale, la cui ampiezza si riduce però per il quinto trimestre consecutivo.

Add Comment