Ecobonus aggiornato con la Legge di Bilancio 2018: come cambia

Ecobonus aggiornato con la Legge di Bilancio 2018 come cambia
L’ecobonus aggiornato con la Legge di Bilancio 2018 vede alcune novità sul fronte della riqualificazione energetica degli edifici, gli interventi agevolabili e le percentuali

Come cambiano le detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica stabilite dalla Legge di Bilancio 2018. L’aggiornamento riguarda le aliquote differenziate a seconda dell’intervento effettuato e vuole incoraggiare i contribuenti a migliorare le prestazioni degli edifici.

Si potrà usufruire della detrazione del 65 per cento se, entro il 31 dicembre 2018, si effettuano interventi di riqualificazione energetica che migliorano di almeno il 20 per cento il fabbisogno annuo di energia primaria e coibentazioni di strutture opache verticali e orizzontali. Tra gli altri interventi agevolati:

  • installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda;
    sostituzione di scaldacqua tradizionali con quelli a pompa di calore;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di efficienza pari alla classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti; l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, fino a un valore massimo della detrazione di 100mila euro se l’intervento porta a un risparmio di energia primaria pari al 20 per cento; l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, acqua calda e climatizzazione.

La detrazione si riduce al 50 per cento per:

  • acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi;
  • acquisto e posa in opera di schermature solari;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione con efficienza pari alla classe A di prodotto prevista dal Regolamento delegato (VE) N. 811/2013;
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30mila euro.

Esclusi definitivamente dall’agevolazione gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza inferiore alla classe A di prodotto.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.