Sospensione rate del mutuo 2018: Abi proroga fino al 31 luglio

Sospensione rate del mutuo 2018 Abi proroga fino al 31 luglio
Confermata la sospensione rate del mutuo 2018, l’Associazione Bancaria Italiana l’ha prorogata al 31 luglio

Il clima di fiducia delle famiglie italiane ma, nonostante la situazione economica stia migliorando, sono sempre più le famiglie che ricorrono alla moratoria ABI che consente la sospensione della quota capitale dei mutui. Tra marzo 2015 e luglio dello scorso anno, infatti, le famiglie costrette a sospendere il mutuo per 12 mesi, considerando anche le altre forme di finanziamento, sono state molte. Da quando è stato firmato l’accordo, infatti, 15.157 famiglie hanno chiesto di sospendere le rate, per un controvalore complessivo di 439milioni di euro.

Ricordiamo che ABI e 10 associazioni di consumatori il 31 marzo 2015, avevano siglato l’accordo che consente uno stop momentaneo nel pagamento delle rate per alcune specifiche difficoltà economiche. La sospensione, riferendosi alla sola quota capitale, fino ad un massimo di 12 mesi per i finanziamenti di durata superiore a 24 mesi, scadeva il 31 dicembre dello scorso anno.

A poter inoltrare domanda all’istituto di credito che ha erogato il finanziamento, sono le famiglie che si trovano in gravi difficoltà economiche a causa di avvenimenti accaduti nei due anni precedenti alla presentazione della richiesta quali: la perdita del posto di lavoro a tempo determinato; decesso; handicap grave o condizione di non autosufficienza che influisce sulle condizioni fisiche del mutuatario; sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni anche in attesa dell’emanazione di provvedimenti di autorizzazione di cassa integrazione in deroga o straordinaria.

L’Associazione Bancaria Italiana (Abi) – Associazioni dei Consumatori, con gran sollievo delle famiglie in difficoltà, ha però comunicato che la sospensione della quota capitale dei crediti alle famiglie è stata prorogato al 31 luglio 2018.

Nello specifico, l’Associazione Bancaria Italiana ha aggiornato i dati relativi alle famiglie che si sono rivolte alla moratoria, tra mutuo prima casa e credito al consumo. ad ottobre dello scorso anno hanno potuto sospendere le rate 16.642 famiglie per un controvalore complessivo di 475 milioni di euro.

La ripartizione delle domande di sospensione su tutto il territorio nazionale ha inoltre evidenziato che per i finanziamenti al consumo prevalgono Sud e Isole con il 41,3 per cento, a seguire il Nord con una percentuale del 35,7 per cento, infine, il Centro con il 23 per cento. Per quanto riguarda i mutui, invece, a prevalere è il Nord Italia (49,3 per cento), seguito da Centro (26,4 per cento), Sud e Isole (24,3 per cento).

Add Comment