Nuovo calo di richieste di mutui e surroghe: salgono gli importi medi

Nuovo calo di richieste di mutui e surroghe salgono gli importi medi
A novembre si registra un nuovo calo di richieste di mutui e surroghe, -20,4 per cento rispetto al pari periodo dello scorso anno, i dati dell’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF

Rispetto al pari periodo dello scorso anno, il mese di novembre ha registrato una crescita delle richieste di prestiti (+1,9 per cento) e prestiti personali (+11,8 per cento), mentre diminuiscono le richieste di prestiti finalizzati (-4,8 per cento). Una battuta d’arresto, invece, la subiscono le richieste di mutui e surroghe, con una flessione del -20,4 per cento.

Tuttavia, crescno del 2,2 per cento gli importi medi richiesti. A dirlo sono i dati dell’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF relativo all’andamento delle domande di credito contribuite in EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF. Rispetto a novembre dello scorso anno, la flessione registrata per le richieste di nuovi mutui e surroghe è del -20,4 per cento. Il costante ridimensionamento di surroghe e sostituzioni, non influisce sui risultati che riguardano le richieste di nuovi mutui finalizzati all’acquisto di case che sostengono la ripresa del mercato immobiliare, come evidenziato da varie analisi realizzate da esperti del settore

Sempre positivo il trend dell’importo medio richiesto per un mutuo che si attesta a 128.351 euro, il secondo valore più alto registrato negli ultimi 5 anni. Il valore è positivamente influenzato dal minor peso delle richieste di surroghe che riguardano importi più contenuti. A novembre, inoltre, si conferma l’orientamento verso piani di rientro a medio e lungo termine. Il 70,4 per cento del totale delle richieste, si concentra sulla durata superiore a 15 anni, in aumento di +3,0 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Riprende il trend positivo delle richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane, con una crescita del +1,7 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Per quanto riguarda l’importo medio richiesto, il valore dei prestiti finalizzati si attesta a 6.020 euro (+15,5 per cento), mentre i prestiti personali hanno fatto segnare una variazione del +1,9 per cento con un importo medio richiesto pari a 13.344 euro. Per il l 50,9 per cento dei casi, i piani di rimborso superiorano 3 anni; per i prestiti finalizzati, le famiglie italiane preferiscono durate più brevi, con il 68,4 per cento delle preferenze per i piani di rientro inferiori a 3 anni.

Add Comment