Bonus di 2mila euro per trasferirsi a Candela: per ripopolare il paese

Bonus di 2mila euro per trasferirsi a Candela per ripopolare il paese
Il sindaco propone un bonus di 2mila euro per trasferirsi a Candela, paese della Puglia a rischio spopolamento e progressivo invecchiamento della popolazione

Come si suol dire “si fa di necessità virtù”, così, il sindaco di Candela, un paesino della Puglia, ha deciso di non restare a guardare il graduale spopolamento lanciando una singolare proposta che, a quanto pare, ha raccolto molti consensi.

Secondo quanto riporta Il giornale.it, la proposta del primo cittadino di Candela è quella di offrire un bonus da 800 a 2.000 euro, a seconda dei casi, a chi decide di trasferirsi nel paesino in provincia di Foggia. L’obiettivo è quello di contribuire al suo ripopolamento. Gli aspiranti ad un posto al sole a Candela come nuovi residenti, dovranno avere dei requisiti, naturalmente.

Nicola Gatta, sindaco di Candela, ha annunciato che vuole riportare il paese ad avere quegli 8 mila residenti che costituivano la popolazione degli anni Novanta. In quel tempo, spiega il primo cittadino, Candela veniva chiamata la “Piccola Napoli” per via delle sue strade molto caratteristiche e brulicanti di turisti e commercianti assidui frequentatori del luogo.

Attualmente, i residenti sono solo 2.700. Il paese è cambiato, è più silenzioso rispetto al passato e, come spesso succede, i più giovani lasciano il paese alla ricerca di una nuova vita ed opportunità di lavoro.

Gran parte degli abitanti è anziana e sono molte le case disabitate. Questo ha spinto il sindaco a dare una una svolta a Candela attirando nuovi residenti. Per invogliarli, ha proposto un bonus (che sarà esborsato una tantum) e per il quale, naturalmente, bisogna avere alcuni requisiti. In pratica, l’iniziativa promossa dal Comune prevede l’agevolazione di 800 euro per i single, 1.200 per le coppie, da 1.500 a 1.800 euro per le famiglie con un figlio, 2.000 euro sono destinati solo alle coppie con più figli . Inoltre, i nuovi residenti saranno esenti dalle tasse sui rifiuti. L’offerta è rivolta a chi si trasferirà a Candela e ne prenderà la residenza, oltre ad affittare una casa e avere un lavoro con un reddito di almeno 7.500 euro l’anno.

Non si vive alle spalle del Comune, in buona sostanza, fa sapere il sindaco. L’iniziativa ha riscosso molto succensso, tanto che sei famiglie provenienti dall’Italia del nord si sono già trasferite nella cittadina pugliese, ma il primo cittadino assicura di aver ricevuto richieste da molto lontano.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.