Il leasing prima casa: i vantaggi nella Guida del Mef

Il leasing prima casa
Il leasing prima casa
Nella Guida del Mef tutti i vantaggi dell’acquisto con il leasing prima casa rispetto ad un mutuo: maggior valore finanziato rispetto al mutuo, non si paga l’imposta sostitutiva che si versa sul mutuo.

Il contratto di leasing prima casa per gli under 35 è più conveniente rispetto a un mutuo stipulato per l’acquisto dell’abitazione principale. Ma dove sta la differenza? Nel leasing finanziario la detrazione è del 19% fino a un importo massimo dei canoni (quota capitale e quota interessi) di 8 mila euro l’anno, mentre con il mutuo la detrazione del 19% è per un importo massimo di 4 mila euro solo per la quota degli interessi passivi. Quindi, il valore del leasing prima casa è maggiore rispetto al mutuo. Inoltre, nel leasing non si paga l’imposta sostitutiva (0,25%) che si versa sul mutuo.

Il leasing immobiliare è più vantaggioso anche rispetto al rent to buy: si ricorda che il rent to buy è un contratto in cui si fondono un contratto di locazione e un preliminare di vendita di un immobile, rispetto al quale prevede tempi in cui esercitare il riscatto ben più lunghi e vantaggi fiscali.

I vantaggi fiscali del leasing prima casa sono cumulabili con altre agevolazioni, come il 50% dell’IVA per l’acquisto di abitazioni di nuova costruzione ad alta efficienza energetica, per interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Leasing e mutuo ipotecario a confronto: simulazione
Un cliente di 34 anni e con un reddito complessivo di 32,5 mila euro, acquista da un privato un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale. Prezzo 150mila euro.

Dal confronto tra un finanziamento in leasing ed un mutuo entrambi con durata di 20 anni ed un tasso del 2,9%, emerge che nel leasing, sulla base di un canone del 20% sul costo dell’immobile (pari a 30mila euro) ed un prezzo di riscatto del 15% (22,5 mila euro) il canone sarebbe di 592 euro.

Per il mutuo, il cliente dovrebbe anticipare un importo del 20% sul costo dell’immobile (pari a 30mila euro) per un finanziamento di 120 mila euro; la rata del mutuo sarebbe di 660 euro. A queste condizioni, il leasing sarebbe più conveniente rispetto al mutuo sia per gli under 35 che per gli over 35

Per il cliente under 35 con il Leasing si otterrebbe:
• una spesa lorda complessiva (Maxicanone + Canoni + Riscatto) pari a circa 194 mila euro;
• imposte d’atto da pagare pari a 3,150 mila euro;
• detrazioni fiscali pari a circa 31 mila euro;
• un spesa netta pari a circa 166 mila euro.

Con il Mutuo si otterrebbe:
• una spesa lorda complessiva (somma anticipata dal cliente + Rate) pari a circa 188 mila euro;
• imposte da pagare (registro, ipotecaria, catastale, imposta sostitutiva) pari a circa 2,2 mila euro;
• detrazioni fiscali pari a circa 7,2 mila euro;
• una spesa netta pari a circa 183 mila euro.
Il leasing è più vantaggioso del mutuo per 17 mila euro circa.

Il leasing è più vantaggioso del mutuo sia per il cliente di 34 anni che per gli over 35: con anche le agevolazioni IRPEF ridotte alla metà, la spesa netta complessiva del leasing sarebbe inferiore rispetto al mutuo di circa 3 mila euro (spesa netta Leasing 180 mila euro contro spesa netta Mutuo pari circa a 183 mila euro).

Per altre simulazioni: modello di convenienza www.assilea.it

Fonte: Fisco Oggi

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.