Certificazione unica 2016: save the date

Certificazione unica 2016
Certificazione unica 2016
Lunedì 7 marzo è l’ultimo giorno per sostituti d’imposta e intermediari per la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate della Certificazione unica 2016 relativa ai redditi 2015.

Per i sostituti d’imposta e gli intermediari lunedì 7 marzo è l’ultimo giorno per inviare la Certificazione unica 2016, che attesta i redditi di lavoro dipendente e assimilati e i redditi di lavoro autonomo, le provvigioni e alcuni redditi diversi. Per l’invio telematico si deve utilizzare il nuovo modello “ordinario”, approvato con provvedimento del 15 gennaio scorso.

Da quest’anno, mediante il software per la compilazione della Certificazione Unica 2016, è possibile importare i dati anagrafici dei singoli percipienti contenuti nelle Certificazioni dello scorso anno. I dati trasmessi confluiranno nel 730 “precompilato”, che sarà disponibile on line per lavoratori dipendenti e pensionati dal prossimo 15 aprile.

Anche quest’anno, si potranno inviare anche dopo il 7 marzo le Certificazioni uniche senza i dati da utilizzare per l’elaborazione della dichiarazione precompilata. Non ci saranno sanzioni, a condizione che siano inviate entro il termine di presentazione del Modello 770.

Si ricorda che…
La Certificazione unica doveva essere rilasciata ai contribuenti, utilizzando il modello “sintetico”, entro il 29 febbraio. Invece, la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate deve avvenire con il modello “ordinario”, che scade lunedì 7 marzo.

Il modello ordinario è formato:
• dal frontespizio e dal quadro CT relativo alla comunicazione della sede telematica per la ricezione dei 730-4 relativi ai conguagli (entrambi non presenti nel modello sintetico);
• dalla parte relativa ai dati del sostituto d’imposta e del contribuente-sostituito (lavoratore dipendente o autonomo o pensionato), identica a quella contenuta nel modello sintetico;
• dalla parte relativa alla certificazione dei redditi di lavoro dipendente, assimilati e all’assistenza fiscale, suddivisa tra dati fiscali, dati previdenziali e assistenziali, dati assicurativi Inail;
• dalla parte relativa alla certificazione dei redditi di lavoro autonomo, delle provvigioni e dei redditi diversi.

NOTA
Il modello ordinario non contiene la scheda per la destinazione del 2, 5 e 8 per mille dell’Irpef, che si trova invece nel modello sintetico da consegnare al contribuente.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.