L’aliquota IVA dopo la dichiarazione di fine lavori

L’aliquota IVA dopo la dichiarazione di fine lavori
L’aliquota IVA dopo la dichiarazione di fine lavori
Per interventi realizzati dopo la presentazione della dichiarazione di fine lavori si paga l’aliquota IVA ridotta del 10%. Tutte le fatture emesse prima della dichiarazione di fine lavori sono soggette all’IVA al 4%.

Dubbi sull’IVA prima e dopo la dichiarazione di fine lavori: per le fatture emesse prima della dichiarazione di fine lavori si paga l’aliquota IVA al 4%; i lavori eseguiti dopo la comunicazione di fine lavori, ovvero gli eventuali interventi edili ancora da completare sono soggetti all’aliquota IVA ridotta del 10%. Pertanto per le fatture relative a lavori eseguiti dopo la comunicazione fine lavori non è possibile continuare ad usufruire dell’agevolazione.

Perché si perde l’agevolazione
Dopo la presentazione della dichiarazione di fine lavori non è possibile fruire dell’aliquota IVA al 4%, in quanto, con la dichiarazione di fine lavori, prevista per tutti i procedimenti edilizi soggetti a titolo abilitativo, il manufatto edilizio entra a far parte del cosiddetto “patrimonio edilizio esistente”. Quindi, si applicano le regole previste per gli interventi di conservazione del patrimonio edilizio esistente, in base all’articolo 3, comma 1, lettere a), b), c), d) del DPR n. 380/2001).

Pertanto, tutte le fatture emesse prima della presentazione della dichiarazione di fine lavori sono assoggettate all’IVA al 4%; dopo la dichiarazione di fine lavori non è più possibile applicare l’aliquota IVA al 4% così come al n. 39, Tabella A, Parte II, allegata al D.P.R. 633/1972 (che è applicabile solo per la nuova costruzione).

L’aliquota IVA per interventi da completare
Per gli interventi da completare si paga l’aliquota IVA ridotta del 10%, così come all’articolo 7, comma 1, lettera b) della Legge 23 dicembre 1999, n. 488 (Legge Finanziaria per l’anno 2000), nel caso in cui gli interventi siano intesi come “manutenzione ordinaria” o “manutenzione straordinaria”.

L’agevolazione riguarda la prestazione di servizi complessivamente intesa, per cui si estende anche alle materie prime, ai semilavorati e agli altri beni necessari per i lavori a condizione che tali “beni” non costituiscano una parte “significativa” del valore delle cessioni effettuate nel quadro dell’intervento.

Fonte: AGEFIS©, Associazione Geometri Fiscalisti

One thought on “L’aliquota IVA dopo la dichiarazione di fine lavori

  1. Buona sera volevo porre un quesito, ho appena effettuato la chiusura lavori dopo aver effettuato la costruzione prima casa con iva agevolata al 4 ,la casa è completa, ora l’impresa mi da il tempo di pagare fra tre mesi l’ultima fattura di saldo lavori,posso usufruire ugualmente dell’IVA agevolata al 4 visto che sì tratta di lavori effettuati in precedenza?? grazie mille

Rispondi a Domenico Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.