Nuovi mutui: domanda in forte crescita ad aprile, aggiornamento Crif

Nuovi mutui domanda in forte crescita ad aprile, aggiornamento Crif
Nuovi mutui
In forte crescita le domande di nuovi mutui, ad aprile si registra un record assoluto che riporta i volumi molto in alto.

Anche il rapporto Crif sull’andamento dei nuovi mutui è molto positivo; il mese di aprile ha segnato una forte crescita di domande presentate dalle famiglie italiane per l’acquisto della casa. Si parla del 71,9 per cento in più rispetto al pari periodo dello scorso anno, a parità di giorni lavorativi.

Una percentuale altissima di domanda di nuovi mutui che fa ritornare il mercato dei mutui a volumi quasi simili a quelli di cinque anni fa, quando si registrò una caduta verticale, e che sipuò definire un vero e proprio record.

Il fattore incoraggiante è che il boom riguarda principalmente domande di nuovi mutui, poco incidono surroghe e sostituzioni, che rappresentano solo il 18 per cento del totale complessivo. Al fine di valutare esattamente l’andamento, Crif ha tenuto in considerazione tutte le pratiche presentate agli istituti di credito per il cambio di mutuo, dunque, non semplici richieste di informazioni, preventivi o simulazioni in rete, soluzione quest’ultima molto gettonata da chi vuole rendersi conto e valutare tutte le proposte più vantaggiose.

Quanto alle richieste di nuovi mutui, dai dati emerge che nei primi quattro mesi dell’anno in corso, si sono attestati al +46,4 per cento rispetto al pari periodo dell’anno precedente. Tuttavia, per quanto l’andamento sia incoraggiante, c’è ancora molta strada da fare per colmare le sofferenze accumulate nel disastroso biennio 2011/12, che dimezzò la domanda.

Ad aprile l’importo medio richiesto è stato di 121.911 euro, inferiore a quanto richiesto nello stesso mese dell’anno precedente, e comunque ben lontano dai 140.942 dell’aprile 2010, quando venne toccato il picco più alto degli ultimi 5 anni. Va detto che l’importo richiesto ad aprile è da considerare il valore medio più basso registrato da quando Crif ha iniziato ad analizzare mensilmente la domanda di mutui.

La tendenza delle famiglie italiane, però, resta sempre contenuta sul fronte della domanda di nuovi mutui, l’istinto è quello della prudenza. Nei primi quattro mesi dell’anno in corso, infatti, il 30,4 per cento del totale erogato è rientrato nella fascia fra 100 e 150 mila euro, in crescita di 1,9 punti rispetto al pari periodo dell’anno precedente. Sul fronte della durata, ancora una volta il rientro sarà effettuato tra 15 e 20 anni, segue la fascia compresa tra i 25 e i 30 anni.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.