Mercato immobiliare Speciale Grandi Città: focus su Palermo

Mercato immobiliare Grandi Città, focus su Palermo
Mercato immobiliare Grandi Città, focus su Palermo

A Palermo mercato immobiliare con quotazioni in calo nella seconda parte del 2014: – 2,5% risp, aumentoto al semestre precedente. Per l’intero 2014 si registra una contrazione dei prezzi del 4,5%.

Situazione generale del mercato immobiliare palermitano: flessione delle quotazioni più accentuata nella macroarea di Parco della Favorita con – 7,7%; forte ribasso nei quartieri Belgio-Strasburgo e Mondello; stabili i valori del Centro storico, dove gli investitori acquistano piccoli tagli da mettere a reddito; stabili anche i prezzi in zona Uditore.

Il trend nella macroarea Centro

Quotazioni delle abitazioni nella macroarea del Centro di Palermo sostanzialmente stabili. Nella seconda parte del 2014 le quotazioni delle abitazioni nel Centro Storico hanno registrato un leggero calo. In particolare, il mercato immobiliare di Palermo è vivacizzato da investitori che acquistano piccoli tagli da mettere a reddito a prezzi competitivi  che si aggirano sui 30-35 mila euro in media per monolocali e bilocali da affittare a 280-300 euro al mese.

Chi acquista la prima casa per una migliore soluzione abitativa preferisce la zona che  si sviluppa da via Roma verso il mare (via Alloro e via Butera e adiacenze) e  sulle arterie principali, dove gli immobili d’epoca, a volte nobiliari e con caratteristiche d’epoca, costano in media intorno ai 2000-2500 euro al mq. Numerose le domande di casa in via Vittorio Emanuele, via Roma e via Maqueda, dove le quotazioni sono simili.

Nella zona di Ballarò sono presenti antichi palazzi del XVI secolo ed edifici realizzati fino alla metà degli anni ’50, spesso degradati, per cui i prezzi si aggirano sui 600 euro al mq. Continuano, infatti, i lavori di recupero sulle facciate esterne di alcuni immobili.

Positivo il mercato delle locazioni, buona la domanda soprattutto da parte di immigrati, di giovani coppie o single che amano la comodità del centro storico e di studenti italiani o stranieri appartenenti al progetto Erasmus. Si stipulano soprattutto contratti a canone concordato, a canone libero o transitori. Frequene utilizzo della cedolare secca.

Nella seconda parte del 2014 il mercato immobiliare nella zona di Olivuzza è stato particolarmente dinamico con acquisto soprattutto di prima casa e per miglioramento abitativo. Bassi gli acquisti ad uso investimento.  Per quanto riguarda la tipologia, molto richiesto il trilocale con cucina abitabile ubicato su strade principali.

I prezzi

In zona Olivuzza i prezzi sono vari. In via Cipressi e limitrofe, ad esempio, dove ci sono abitazioni di qualità medio bassa, si acquista in media a 500 euro al mq, perché è un’area molto popolare. In via Corradino di Svevia e Via L’Emiro si acquista a 1200 euro al mq in quanto è una zona più recente, edificata tra la fine degli anni ’70 e la prima metà degli anni ’80 e inoltre tutte le abitazioni hanno il posto auto. In Corso Finocchiaro Aprile, invece, gli stabili sono dei primi anni del ‘900 e i prezzi si aggirano intorno ai 1000 euro al mq perché a fronte della minore comodità è la presenza di tutti i principali servizi di prima necessità.

Per abitazioni di metratura medio-grande si va in via Veneziano e via Narbone: nella prima le abitazioni risalgono agli anni ’60-’70 e si scambiano a circa 1000 euro al mq, nella seconda esistono tipologie dei primi anni del ‘900 di dimensioni molto grandi di 140-150 mq.

In aumento la domanda di immobili in locazione, in calo i canoni sia perché l’offerta è elevata sia perché i proprietari sono più selettivi e richiedono maggiori garanzie per gli inquilini. La domanda proviene quasi esclusivamente da famiglie, spesso monoreddito e da immigrati che non riescono ad accedere al credito. I canoni mensili vanno dai a 300 euro al mese per i bilocali e a non oltre 500 euro al mese per i trilocali. I contratti stipulati sono a canone libero e spesso con cedolare secca. Si richiedono in genere immobili arredati.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.