Locazioni in Italia: offerta degli immobili in calo

Locazioni in Italia
Locazioni in Italia

Il mercato delle locazioni segna rosso, mentre quello delle compravendite segnala una ripresa. La domanda è importante, i prezzi dei canoni sono in calo, ma i proprietari sono meno disposti ad affittare.

È quanto emerge da un monitoraggio condotto da Immobiliare.it sul trend attuale del mercato delle locazioni, in un momento in cui il settore delle compravendite manda segnali positivi.

L’offerta degli immobili residenziali in locazione a febbraio 2015 è risultata nettamente in calo a fronte di una domanda in crescita, soprattutto da parte di chi  deve necessariamente ricorrere all’affitto non potendo permettersi l’acquisto della casa.

I motivi vanno individuati nella tradizionale diffidenza degli  italiani a dare  in locazione il proprio patrimonio immobiliare e le incertezze economiche degli aspiranti inquilini non sono certo incoraggianti. Secondo i calcoli del monitoraggio l’offerta di immobili in locazione in febbraio 2015 ha subito un calo annuale pari a circa il 7% rispetto a febbraio 2014.

Un importante divario fra offerta e domanda. Infatti, le richieste di immobili in affitto sono cresciute del 9,9% a livello generale. Andando nel dettaglio, l’interesse nei confronti della casa in locazione si riscontra nell’aumento dell’11,9% delle domande provenienti dal Centro Italia, mentre al Nord crescono del 9,1% e al Sud dell’8%, e delle richieste d’affitti che arrivano dalle città più piccole con meno di 250mila abitanti: +12,3%, contro il +8,5% delle città più grandi.

Per quanto riguarda i canoni di locazione, secondo i dati dell’ultima rilevazione i prezzi richiesti sono più bassi solo del 2,1%. I cali più forti si registrano in Abruzzo (-13,4%), Molise (-8,9%) e Friuli Venezia Giulia (-5,8%); crescono i numeri in Sardegna (+8,9%), Calabria (+3%) e Piemonte (+1%). Il canone di locazione mensile medio per metro quadro, in Italia, è pari a 8,39 euro: servono, quindi, circa 670 euro per affittare un appartamento da 80 metri quadri.

A livello regionale, il Lazio è la regione con gli affitti più cari con 11,82 euro per metro quadro; segue il Trentino Alto Adige con 11,28 euro per metro quadro e la Lombardia con 10,23 euro per mq, la Calabria con 4,68 euro per metro quadro.

Fra le città più care d’Italia per i canoni di locazione, in testa alla classifica è Milano con circa 600 euro per un monolocale e fino a 1.200 euro per un trilocale. A Roma bastano 550 euro per un monolocale e tra 900 e 1.050 euro per un trilocale. A Firenze un trilocale costa tra 600 e 870 euro al mese, seguono Bolzano, Napoli e poi, con prezzi allineati, Siena, Pisa, Trento, Bologna e Como.

Così Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Immobiliare.it: “Pur garantendo un ritorno interessante, soprattutto nelle città più grandi, la locazione è un business che ha perso molto appeal, perlomeno nelle sue forme tradizionali di lungo periodo. Dove possibile, si punta alla conversione in case vacanza e B&B o altre forme di affitto breve, come quelle che vedremo a Milano per l’Expo”. 

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.