Edilizia News: bandi di gara per lavori pubblici in crescita

Edilizia News, bandi di gara per lavori pubblici in crescita
Edilizia News, bandi di gara per lavori pubblici in crescita

all’Analisi Ance segnali positivi per l’edilizia, nonostante la pesante crisi del settore: in aumento i bandi per lavori pubblici, bene per le compravendite residenziali e i mutui alle famiglie.  

Nel 2014 l’edilizia ha vissuto ancora quella pesante crisi che la penalizza da molti anni. Tuttavia, emergono alcuni segnali positivi dalle compravendite residenziali e dai mutui alle famiglie nei primi nove mesi del 2014 rispettivamente con +2,2% e +9,8%. Crescono anche i bandi di gara per lavori pubblici.

L’analisi condotta nel 2014 dall’Associazione nazionale dei costruttori edili (Ance) per il settimo anno consecutivo segnala per l’edilizia una situazione di forte crisi, sia nel settore privato che nei lavori pubblici. Di seguito, vediamo le perdite in percentuale.

In sette anni, dal 2008 al 2014, l’edilizia ha perduto il 32% degli investimenti pari a circa 64 miliardi di euro. Per la nuova edilizia abitativa la riduzione è stata del 62,3%, per l’edilizia non residenziale privata del 23,6%, per le opere pubbliche del 48,1%.

Un aumento dei livelli produttivi del 18,5% dal 2008 al 2014 è stato registrato solo per interventi di riqualificazione del patrimonio abitativo anche grazie agli incentivi fiscali per le ristrutturazioni edilizie e il risparmio energetico.

Gli effetti si sono fatti sentire anche a livello occupazionale: dall’inizio della crisi, i posti di lavoro persi in edilizia sono 522.000 che raggiungono le 790.000 unità considerando anche i settori collegati.

Ridotto nel primo semestre 2014 anche il numero dei permessi ritirati per la costruzione di nuove abitazioni rispetto al primo semestre 2013.

Tuttavia, dopo sette anni consecutivi di crisi, arrivano per l’edilizia i primi segnali positivi dal numero delle compravendite di immobili residenziali e delle erogazioni di mutui alle famiglie e dall’aumento dei bandi di gara per lavori pubblici.

Nel corso del 2014, infatti, si segnala una crescita dei bandi di gara pubblicati che coinvolge molte stazioni appaltanti (quali Comuni, Anas, FS) sostenuta in particolare al Sud, più ridotta al Centro. Al Nord insiste il segno negativo nel valore posto in gara. Sono, comunque, soltanto segnali sui quali non si possano basare per l’edilizia previsioni di ripresa.

Secondo l’Ance, la crescita dei bandi di gara nel 2014 può dipendere da diversi fattori: “la misura contenuta nella Legge di Stabilità 2014 di allentamento del Patto di Stabilità Interno a favore degli investimenti degli enti locali per un miliardo di euro; la necessità di accelerare la spesa dei fondi strutturali europei; l’attuazione di misure governative adottate a partire dalla seconda metà del 2013 a favore di Ferrovie dello Stato e Anas”.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.