Detrazioni fiscali: lavori in condominio quando chiedere il bonus

Detrazioni fiscali lavori in condominio quando chiedere il bonus
Detrazioni fiscali
Si potranno ottenere detrazioni fiscali per lavori in condominio, interventi perl’efficientamento energetico degli edifici e non solo.

Per la riqualificazione degli edifici, si potrà usufruire di detrazioni fiscali per quasi tutti i lavori in condominio è possibile acccedere ad un bonus del 65 e 50 per cento, nell’ambito della ristrutturazione edilizia, con una minima differenza fra lavori privati e lavori in condominio.

I privati potranno usufruire delle detrazioni fiscali del 65 per cento per spese sostenute entro il 31 dicembre 2015 e relative a interventi eseguiti sull’involucro degli edifici per la riduzione del fabbisogno energetico; in condomini per la ristrutturazione delle parti comuni, con l’obiettivo di agevolare gli interventi volti a migliorare la qualità dell’edilizia esistente.

In generale, gli interventi che potranno usufruire de detrazioni fiscali, sono relativi a: manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuata sulle parti comuni degli edifici condominiali.

Le detrazioni fiscali del 50 per cento è genericamente riferita alla ristrutturazione di immobili residenziali e riguarda interventi di edilizia di cui al Testo Unico dell’Edilizia. La differenza sostanziale è che la manutenzione ordinaria è esclusa dal bonus, nelle realtà condominiali, invece, sono aperte alle parti comuni così come sancito dall’articolo 1117 del codice civile (legge n. 220 del 2012, cosiddetta Riforma del condominio).

Fra i tanti interventi di edilizia agevolabili dalle detrazioni fiscali e spiegati in dettaglio dalla’Agenzia delle Entrate: allargamento delle porte interne con modeste demolizioni; installazione di un’antenna comune; riparazione di balconi, cornicioni e davanzali; riparazione della caldaia; sostituzione di infissi esterni senza modifica della tipologia; riparazione della fognatura; messa a norma degli impianti; rifacimento lastrico solare con stessi materiali e caratteristiche; rifacimento del tetto; sostituzione tegole.

Delle detrazioni fiscali del 65 per cento potranno usufruire i lavori in condominio destinati alla riqualificazione energetica degli edifici esistenti, interventi in generale anche di parti di essi, di tutte le categorie catastali (anche rurali) e le loro pertinenze.

È importante specificare che le detrazioni fiscali di 10mila euro per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici da parte di chi ha richiesto il bonus del 50 per cento, è possibile solo nel caso in cui gli arredi siano destinati all’arredamento delle parti comuni, dall’androne alla guardiola o appartamento del custode, alla sala riunioni.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.