Investimenti immobiliari in Italia in crescita a fine 2014

Investimenti immobiliari in Italia in crescita a fine 2014
Investimenti immobiliari in Italia in crescita a fine 2014

Secondo i primi dati elaborati da Cbre Italia, il volume degli investimenti immobiliari in Italia nell’ultima parte del 2014 è cresciuto con 2,6 miliardi di euro, oltre il 50% in più rispetto al trimestre precedente.

I primi dati elaborati da Cbre Italia indicano una crescita degli investimenti immobiliari nel nostro Paese nell’ultima parte del 2014 con un aumento del volume annuale a 5,3 miliardi di euro e conseguente aumento dell’11% rispetto allo scorso anno. Una ripresa, dunque. Tuttavia ancora una volta è stato il capitale straniero a fare da apripista, con l’80% degli investimenti totali nel trimestre e con oltre 4 miliardi investiti.

Il volume annuo degli investimenti immobiliari registrato sul mercato italiano segnala un recupero positivo dalla crisi più acuta del 2012. Ma se da un lato la nuova situazione è incoraggiante per il settore, dall’altro lato sta a dimostrare ancora una volta che l’Italia è in ritardo nei confronti dell’Europa, che invece si muove con un volume complessivo che nel 2014 dovrebbe superare quello dello scorso anno di oltre il 30%.

Dall’analisi è emerso un dato importante sulla differenza fra il capitale italiano e quello straniero investito in Italia tra il 2007 e il 2014; infatti, mentre il capitale straniero è in linea rispetto a quello investito nel 2007, quello nazionale è inferiore dell’80%.

 

In realtà, la maggior parte degli investimenti immobiliari nazionali è stata realizzata da fondi legati alle casse di previdenza di alcune categorie: Commercialisti, Medici, Architetti. In Italia il nemico di sempre: l’attendismo degli investitori italiani. E questo rientra fra le altre cause che hanno impedito all’Italia di agganciare l’Europa nella forte crescita degli investimenti. Gli investitori internazionali, invece, hanno confermato una ritrovata fiducia.

Il fatto è che la debole economia del nostro Paese ha ripercussioni importanti sul rischio maggiore attribuito all’immobiliare rispetto al passato, con i rendimenti sui Bot ai minimi storici, mentre i rendimenti immobiliari sono ancora superiori al picco minimo precedente. Comunque è un dato che induce alla riflessione.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.