Amministratore di condominio: come scegliere il candidato giusto

Amministratore di condominio come scegliere il candidato giusto
Amministratore di condominio
Non tutti sono adatti a ricoprire il ruolo di amministratore di condominio, occorrono dei precisi requisi che l’assemblea deve valutare attentamente.

La Riforma del Condominio ha delineato il ruolo di amministratore di condominio come una figura professionale ben precisa che deve possedere specifici requisiti per poter coprire questo ruolo. Competenza, serietà e preparazione, sembrano essere le parole d’ordine per svolgere al meglio l’incarico assegnato.

Intanto, l’amministratore di condominio dovrà essere in possesso di un diploma di scuola superiore ed aver frequentato un corso di formazione specifico. Inoltre, dovrà frequentare, periodicamente, dei corsi di aggiornamento anche su piattaforma online. Sarà l’assemblea condominiale a valutare una rosa di candidati ed a verificare che siano in possesso dei requisiti richiesti.

L’Associazione Nazional-europea AMMinistratori d’Immobili (Anammi), ha stilato un vademecum che aiuterà a scegliere l’amministratore di condominio ideale. Fermo restando che il candidato dovrà essere in possesso del diploma di scuola superiore ed aver frequentato un corso di formazione, il D.M. 140 sancisce che sono obbligatorie almeno 15 ore annuali di corso di aggiornamento. L’aspirante amministratore di condominio non dovrà aver subito alcuna condanna penale.

Anche se non esiste un album professionale, l’attività di amministratore di condominio è regolamentata da una certificazione di conformità emessa dalle associazioni di categoria che attestano i requisiti di professionalità, assumendosene la responsabilità. Questo rappresenta già una garanzia ma è fondamentale la stipula di una polizza assicurativa per responsabilità civile, che andrà a coprire gli eventuali errori commessi durante il mandato.

L’amministratore di condominio dovrà conoscere norme giuridiche, aspetti fiscali e amministrativi, niente esclude che si possa ricorrere alla consulenza di esperti. Fra i compiti da svolgere, dovrà essere in grado di varie tematiche fra cui la sicurezzaa degli impianti, in pratica a lui è affidata la totale gestione dell’edificio.

Visti i tempi moderni, l’amministratore di condominio dovrà essere a proprio agio con il mondo dell’informatica, computer e software non dovranno avere misteri. D’obbligo l’iscrizione ad un’associazione di categoria vista la mole di pratiche amministrative e non da svolgere.

Infine, il nome dell’amministratore di condominio dovrà essere esposto fuori dallo stabile su un targa che recherà il suo nome con i recapiti telefonici per poter essere rintracciabile facilmente dai condomini.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.