Pannelli solari: le regole da rispettare per l’installazione

Pannelli solari le regole da rispettare per l'installazione
Pannelli solari
Utilizzati per trasformare il calore in energia, i pannelli solari possono essere installati avendo cura di non nuocere salute e stile di vita dei vicini.

Sempre più spesso si ricorre ai pannelli solari per trasformare il calore in energia elettrica finalizzata ad un normale uso domestico. Esistono vari tipi di pannelli solari: fotovoltaici, termici e a concentrazione, questi ultimi concentrano i raggi solari in un punto tramite un sistema di specchi parabolici. Sistemi sosfisticati o meno, hanno tutti lo stesso obiettivo finale: produrre energia.

Installare pannelli solari nella propria abitazione, termici o fotovoltaici che siano, è una scelta privata. Il propriatario dell’immobile dovrà semplicemente valutare vantaggi e svantaggi che comporterà, sapendo che esistono degli sgravi fiscali per la loro installazione per via del risparmio energetico. Va però ricordato che, seppur c’è libertà di scelta, questa non deve andare a danneggiare il vicinato.

Ad esempio, i pannelli solari possono produrre un riverbero di luce che può anche essere molto forte tanto da costringere i vicinia correre ai ripari per evitare di essere abbagliati. In questo caso, bisognerà provvedere, a proprie spese, a rimediare all’inconveniente. È il caso di una società che aveva provveduto all’installazione di pannelli solari su un edificio, evidentemente con una sbagliata inclinazione.

Gli abitanti del vicino edificio, vittime dell’eccessivo riflesso, hanno molto insistito affinchè si intervenisse. Di parere contrario era la società installatrice dei pannelli solari che non condivideva l’ipotesi di un danno psicologico per via di quella costrizione a chiudere le persiane. È stato il Tribunale di Perugia a mettere termine alla diatriba con un’ordinanza emessa ad ottobre 2014 che ha “confermato la sussistenza di immissioni luminose al di là della soglia di normale tollerabilità”.

Il Tribunale ha valutato attentamente le posizioni di entrambi e, in considerazione dell’eccessivo riflesso di luce, fonte di abbagliamento, ne ha sancito la pericolosità. L’esposizione duratura e diretta, può comportare nel tempo “un danno all’apparato visivo», determinando anche conseguenze non reversibili”.

Nonostante la proposta dell’installatore di munire le finestre di vetri oscuranti, che avrebbero procurato una drastica riduzione della luce naturale e, comunque, non tutelato finestre e terrazze, il Tribunale ha disposto la modifica dell’inclinazione dei pannelli solari.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.