Bonifica amianto: allo studio finanziamenti straordinari

Bonifica amianto, allo studio finanziamenti straordinari
Bonifica amianto, allo studio finanziamenti straordinari

È allo studio del Governo una bozza di decreto Ambiente per il finanziamento con mutui ventennali per la bonifica dei beni e delle aree contenenti amianto.

La bozza del provvedimento, composta da 16 articoli, prevede  un programma di finanziamento straordinario per la bonifica dei beni e delle aree contenenti amianto per il periodo 2015-2035. Lo scopo è quello di consentire ai presidenti delle Regioni di contrarre mutui ventennali per finanziare interventi di bonifica amianto.

Un successivo decreto ministeriale definirà le modalità di erogazione dei mutui per la bonifica amianto, d’intesa con la Conferenza Stato-Regioni. Per il triennio 2015-2017, le rate di ammortamento dei mutui avranno una copertura di circa 5 milioni di euro all’anno, che saranno prelevati dalle risorse stanziate dall’ultima legge di Stabilità al ministero dell’Ambiente nel fondo speciale di conto capitale.

Gli oneri di ammortamento dei mutui per la bonifica amianto saranno a totale carico dello Stato, con la Banca europea per gli investimenti (Bei), con la Banca di Sviluppo del Consiglio d”Europa, con la Cassa depositi e prestiti (Cdp), e con le banche.

Così recita la bozza: “I presidenti di Regione/commissari straordinari esercitano anche le funzioni di stazione appaltante, compresa la direzione dei lavori e, in particolare, stipulano i contratti con i soggetti aggiudicatari e provvedono a tutte le altre attività necessarie alla realizzazione delle opere”.

E ancora: “Il ministero dell’Ambiente dovrà anche approvare “un piano-stralcio con l’individuazione dei progetti immediatamente cantierabili”.

Il programma va ad aggiungersi al “Piano amianto” e mette in atto la risoluzione del Parlamento europeo del 14 marzo 2013 sul rischio che l’amianto rappresenta per la salute sul luogo di lavoro e sulla necessaria eliminazione di tutto l’amianto esistente.

Oltre che il programma di finanziamento con mutui ventennali per la bonifica amianto, la bozza di decreto contiene anche altri interventi, tra i quali anche un fondo di garanzia per la copertura dei costi connessi al ripristino ambientale degli impianti industriali,  a carico degli operatori, che andrebbe a sostituire l’attuale obbligo di idonea garanzia finanziaria da parte dei gestori. Il fondo sarà istituito presso il ministero dell’Economia.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.