Amministratori di condominio: corsi di aggiornamento obbligatori

Amministratori di condominio: corsi di aggiornamento obbligatori
Amministratori di condominio
Le legge impone corsi di aggiornamenti agli amministratori di condominio con cadenza annuale. In forte aumento la formazione online.

È una professione impegnativa quella degli amministratori di condominio che sono tenuti a rispettare leggi e normative legati a questa professione, fra questi l’obbligo di frequentare corsi di aggiornamento di almeno 15 ore all’anno, come stabilito dal D.M. 140/2014.

Potendo scegliere, gli amministratori di condominio preferiscono la formazione multimediale e online, in linea con la tecnologia che ormai scandisce i tempi della nostra vita. A confermare la nuova tendenza è anche l’Associazione Nazional Europea degli AMMinistratori d’Immobili, che indicano professionisti già affermati e aspiranti tali, preferire sempre più la nuova formula di aggiornamento.

Giuseppe Bica, presidente dell’associazione, dichiara dati confortanti relativi al biennio 2012/2014, la formazione online ha visto un incremento del 38 per cento e così vuole commentare: “Un dato che non deve stupire. Per motivi di tempo e di organizzazione, l’aspirante professionista punta sullo studio e l’aggiornamento da modulare in maniera autonoma”.

In generale, a preferire la formazione online, sono spesso persone che praticano già la professione o, comunque, già esperti del settore, fra questi avvocati e commercialisti o esperti di contabilità ed amministrazione alla ricerca di un nuovo sbocco professionale. Non è un mistero che il settore presenti molte difficoltà, dunque, molti tecnici professionisti si orientano verso l’amministrazione di immobili.

Svolgere seriamente la professione di amministratori di condominio, implica una preparazione specifica, non ci si può improvvisare. Secondo quanto stabilito dall’art. 71-bis disp. att. c.c. Per diventare amministratore condominio, oltre a non potersi occupare del proprio, è obbligatorio frequentare un corso di formazione iniziale, seguito da una formazione periodica con cadenza annuale. Si fa unicamente eccezione per coloro che abbiano praticato per almeno un anno la professione, riferendosi al periodo in cui è entrata in vigore la riforma del condominio.

Solo in questo caso si potrà correttamente svolgere l’attività di amministratori di condominio senza incorre in sanzioni. L’unico adempimento che si dovrà rispettare sarà l’aggiornamento periodico. Il decreto, infine, impone un minimo di 15 ore di aggiornamento e 40 per la formazione iniziale. Entrambi i corsi si potranno svolgere anche in e-learning, vale a dire l’apprendimento tramite le tecnologie multimediali e di internet.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.