Ravvedimento operoso anche per violazione di norme catastali

Ravvedimento operoso anche per violazione di norme catastali
Ravvedimento operoso anche per violazione di norme catastali

Le modifiche apportate all’articolo 13 del Dlgs 472/1997 verranno applicate anche alle sanzioni amministrative per le violazioni di norme catastali, in base alla legge 190/2014 (Stabilità 2015).

Le modifiche, a favore dei contribuenti, puntano a stabilire la regolarizzazione e la correzione spontanea di errori e omissioni, con il taglio sulle sanzioni irrogabili mediante una revisione sostanziale del ravvedimento operoso. Oltre che a migliorare al massimo la cooperazione fra Amministrazione finanziaria e contribuenti.

Il nuovo ravvedimento operoso. che andrà in vigore dal 1° gennaio 2015, allungano i tempi entro i quali è possibile avvalersene, a condizione che l’atto di constatazione dell’irregolarità tributaria non sia stato già notificato e che le sanzioni non siano già partite.

Il nuovo ravvedimento operoso consente, quindi, di regolarizzare spontaneamente le violazioni e le omissioni commesse oltre che di beneficiare di una sanzione ridotta rispetto a quella ordinaria.

Si precisa che, come previsto dall’articolo 12, comma 1, del Dpr 650/1972, le inadempienze degli obblighi di legge si dividono in due distinte categorie: le “irregolarità” riscontrate nella documentazione presentata e le “omissioni o inosservanze dei termini temporali per l’assolvimento” degli obblighi a carico degli intestatari di beni immobili.

Le prime si possono sanare su invito dell’ufficio, le seconde con il ricorso al ravvedimento operoso.

La riforma del ravvedimento operoso ne estende l’ambito applicativo, le nuove norme, oltre a diminuire le cause di preclusione, rimodulano le riduzioni sulle misure minime delle sanzioni in base al tempo trascorso dall’inosservanza dell’obbligo di legge.

DOVE PAGARE IL TRIBUTO E LA SANZIONE IN MISURA RIDOTTA

Il pagamento del tributo e della sanzione in misura ridotta, a cui vanno aggiunti gli interessi calcolati al tasso legale annuo con maturazione giorno per giorno, può essere effettuato direttamente presso la cassa dell’ufficio provinciale – territorio dell’Agenzia dell’Entrate.

È possibile anche utilizzare il canale telematico, mediante l’apposita funzionalità per la gestione del ravvedimento operoso, predisposta all’interno degli specifici pacchetti applicativi realizzati dall’Amministrazione finanziaria per l’area catasto e cartografia.

È possibile anche eseguire il versamento anche sui c/c intestati ai singoli uffici.

Non è prevista alcuna forma di pagamento rateale delle somme dovute per effetto del ravvedimento.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.