Erogazione mutui: il trend del terzo trimestre 2014

Erogazione mutui il trend del terzo trimestre 2014
Erogazione mutui in Italia
In crescita l’importo erogato dagli istituti di credito per l’acquisto della casa nel terzo trimestre dello scorso anno. La conferma arriva dal Bollettino Statistico della Banca d’Italia a gennaio 2015.

Il Bollettino Statistico della Banca d’Italia fa il punto sulle erogazioni mutui relative al terzo trimestre dello scorso anno. Le famiglie italiane, viene comunicato nelle statistiche, hanno ricevuto finanziamenti per l’acquisto della casa per un importo pari a 5.746,2 milioni di euro, registrando un incremento del 15,7 per cento rispetto allo scorso anno.

Un segnale positivo che arriva dal mercato del credito che, per il terzo trimestre consecutivo, conferma e accentua la tendenza al miglioramento della situazione economica degli italiani, già iniziata lo scorso anno. L’incremento della cifra erogata, arrivato a +780 milioni di euro, era già stato riscontrato dai resoconti mensili a partire dal marzo, incrementi a due cifre e superiori al 30 per cento da settembre 2014.

Cresce, dunque, la domanda di erogazioni mutui da parte delle famiglie italiane e la Banca Centrale Europea si è attivata per sostenere i finanziamenti sia alle famiglie che alle imprese. La crescita o meno del mercato del credito dipenderà dalla situazione economica e finanziaria e, di conseguenza, sulla fiducia degli italiani di un ulteriore miglioramento che conceda di impegnarsi economicamente.

Gli istituto di credito, comunque, remano a favore delle erogazioni mutui anche se le politiche restano prudenziali. La riduzione degli spreat sui mutui erogati e la bassa percentuale di intervento sul valore dell’immobile ne sono la dimostrazione.

Il terzo trimestre dello scorso anno, ha registrato segnali positivi di erogazioni mutui in tutte le regioni italiane, un leggero cedimento si è verificato solo in Umbria. L’analisi segnala una differenza geografica, al Nord si eroga di più e la Lombardia si conferma ancora leader con un +15,3 per cento rispetto al terzo trimestre 2013, seguita da Lazio (783 mln di euro), Veneto (530 mln di euro) ed Emilia-Romagna (circa 500 mln di euro). Nel Sud primeggia il Molise con un incremento del 38,3 per cento, seguito dalla Basilicata con +30,1 per cento. Incrementi anche in Campania e Puglia (+27 per cento), Trentino-Alto Adige (+25,8 per cento) e Marche (+24,8 per cento).

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.