Piano Casa Piemonte: proroga 31 dicembre 2016 in stand by

Piano casa Piemonte, proroga in attesa di approvazione
Piano casa Piemonte, proroga in attesa di approvazione

Non ancora approvata dal Consiglio regionale, in Piemonte, la proroga del Piano Casa al 31 dicembre 2016, proposta dalla Giunta regionale. Commesse a rischio, dicono gli Architetti.

Il Consiglio regionale, attualmente impegnato nell’esame dei numerosi emendamenti al provvedimento per l’aumento delle tasse, non ha ancora approvato la proroga decisa dalla Giunta per  il Piano Casa. Preoccupati gli Architetti: “Approvare la proroga o commesse a rischio”.

Il Piano Casa della Regione Piemonte, come da l.r. n. 17/2013, scade il 31 dicembre di quest’anno: prevede agevolazioni fiscali per il recupero dei sottotetti e consente l’ampliamento volumetrico del 20% degli immobili ad uso abitativo e anche ad uso artigianale e industriale, con interventi di piccole e medie dimensioni. Un programma mirato a favorire la riqualificazione del patrimonio edilizio per qualità architettonica ed efficienza energetica.

Preoccupati gli architetti. Ovviamente,  se la proroga del Piano Casa non dovesse arrivare si perderebbero le commesse in quanto i clienti rinuncerebbero agli interventi.

Così Marco Aimetti, presidente dell’Ordine degli architetti di Torino: “Siamo molto preoccupati Tra i professionisti c’è molta incertezza: hanno in mano le pratiche e non sanno se devono correre per farle approvare entro due settimane o se possono lavorare serenamente in vista del prossimo anno”.

NOTA

La proroga del Piano Casa è stata introdotta con un emendamento alla LR 17/2013 (Disposizioni collegate alla manovra finanziaria 2013), mediante una modifica alla legge regionale 20/2009 per la semplificazione delle procedure in materia di edilizia e urbanistica, in seguito alle richieste degli operatori del settore avanzate durante gli incontri sul territorio per l’illustrazione della nuova legge urbanistica regionale.

Lo scopo della proroga del Piano Casa è quello di consentire alle famiglie e alle imprese di avere un anno in più per effettuare interventi di ristrutturazione. Ma anche un modo per sostenere il rilancio dell’economia mediante interventi edilizi mirati alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente sotto il profilo della qualità architettonica e dell’efficienza energetica, oltre che per migliorare la sicurezza delle strutture.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.