Case vacanza: mercato 2014 e previsioni 2015 secondo Fiaip

Case vacanza: mercato 2014 e previsioni 2015
Case vacanza: mercato 2014 e previsioni 2015

L’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico Fiaip fotografa per la stagione estiva 2014 un mercato delle case vacanza incerto, nonostante il ribasso dei prezzi degli immobili nelle principali località di mare e montagna.

Nonostante la domanda di case vacanza sia stata stimolata dal ribasso generale dei prezzi, in 20 località campione l’Osservatorio Immobiliare Turistico Fiaip ha rilevato, infatti, una situazione incerta, forse anche a causa di una perdurante incertezza economica

Di conseguenza, le prospettive per il settore immobiliare nel 2015 rimangono incerte, anche se gli indicatori Fiaip fanno registrare una maggiore offerta immobiliare turistica con una richiesta di case vacanza in aumento soprattutto da parte degli acquirenti internazionali.

A monte, un sistema fiscale sempre più gravoso sulla casa ed erogazioni dei mutui che non hanno ancora risposte positive, nonostante un certo miglioramento delle condizioni di accesso al credito ed una ripresa delle richieste di mutuo, in particolare da liberi professionisti e famiglie numerose che spesso rimandano l’acquisto di una casa vacanza a tempi migliori. Una situazione che riguarda soprattutto i nostri connazionali.

Per la prossima stagione invernale gli operatori immobiliari riescono a vedere segnali positivi per il mercato delle case vacanza solo nelle località montane più conosciute, dove il soggiorno si coniuga con novità strutturali e servizi che contribuiscono ad accrescere l’appeal del territorio e ad attirare clientela nazionale e straniera.

A Madonna di Campiglio, ad esempio, che si è rivelata la località montana più conveniente, per le locazioni delle case vacanza in alta stagione si spendono 600-750 Euro per una settimana per quattro posti letto, mentre a Sestriere che risulta il più caro si spendono 1.100-1.300 Euro. Tra le località marine la più conveniente nel 2014  è Ostuni con 350-400 Euro per un soggiorno di una settimana per 4 persone, mentre a Marina di Grosseto si può spendere 2.400-3.200 Euro per una settimana in alta stagione.

Se ne deduce che per risollevare il settore delle case vacanza serve un impegno concreto da parte delle Istituzioni, visto che il turismo costituisce l’oro nero dell’Italia. È  necessario, quindi, dotare il nostro Paese delle infrastrutture indispensabili ad accogliere, con standard di livello alto, chi viene a visitare le nostre belle città, dalle nostre località di mare alle nostre località montane, che hanno attirato turisti da sempre e da tutto il mondo.

Così Raffaele Dedemo, Vicepresidente nazionale Fiaip con delega al turismo e al settore estero: “Oggi più che mai è necessario ideare una nuova strategia nazionale per il turismo e permettere quindi agli imprenditori che operano nel settore di poter svolgere il proprio lavoro al meglio, consentendo di creare nuovi posti di lavoro e nuove occasioni di sviluppo per i territori in cui operano, per il modello di vita che vendono e per “l’italian style” che tutto il mondo ci invidia”.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.