Comprar casa da affittare: bonus previsti dal decreto Sblocca Italia

Comprar casa da affittare bonus previsti dal decreto Sblocca Italia
Comprar casa da affittare
Incentivi fiscali per chi acquista un’abitazione da affittare a scopo residenziale. Via libera anche alle nuove costruzioni.

Si può considerare un investimento comprar casa da affittare, purchè sia a scopo residenziale e si proceda alla locazione nei successivi sei mesi stipulando un regolare contratto che abbia una durata non inferiore agli otto anni.

La novità del decreto legge 133/2014, articolo 21 dello Sblocca Italia, è che comprar casa da affittare dà diritto ad un incentivo fiscale (deduzione Irpef) pari al 20 per cento del prezzo d’acquisto esposto sull’atto della compravendita. Il tetto massimo da raggiungere è fissato a 300mila euro che significa un bonus di 60mila euro.

La deduzione Irpef sarà ripartita in otto quote annuali che non supereranno 7.500 euro e spetta a coloro che acquistano immobili da destinare ad uso residenziale, sia nuovi che ristrutturati ed acquistati sia da imprese di costruzione o ristrutturazioni. Si potranno, inoltre, comprare case da affittare anche da cooperative edilizie o imprese di ristrutturazioni.

Avranno diritto agli incentivi fiscali sulle spese sostenute per l’impresa di costruzione che ha effettuato i lavori anche coloro che costruiranno in appalto su un’area edificabile di proprietà. Va, comunque, specificato che al bonus hanno diritto solo le persone fisiche che non esercitano alcuna attività commerciale.

Ci sono alcune condizioni da rispettare per poter accedere alla detrazione fiscale prevista dal decreto Sblocca Italia relativo al comprar casa da affittare, vediamo quali:

  • L’immobile acquistato dovrà essere messo in affitto entro i sei mesi successivi all’acquisto o dal termine dei lavori stipulando un contratto di locazione non inferiore agli otto anni. Nel caso di locazione interrotta per motivi non dipendenti dal locatore, non si perderà alcun beneficio a patto che entro un anno ne venga stipulato un altro.
  • L’immobile, ad esclusivo uso abitativo, non dovrà essere accatastato in A/1, A/8 e A/9, non dovrà essere situato in zone E (territori ad uso agricolo) e corrispondere alle norme di prestazioni energetiche in classe A o B.
  • Il contratto di affitto dovrà essere ceduto a canone concordato e non dovranno esserci rapporti di parentela di primo grado tra proprietario e affittuario.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.