Visure catastali online: servizi gratuiti dalle Entrate, aggiornamenti

Visure catastali online
Visure catastali online

Il catasto online dal 31 marzo 2014. Planimetrie e visure catastali o ipotecarie dei propri immobili consultabili mediante i servizi gratuiti dell’Agenzia delle Entrate. Procedure e approfondimenti.

Grazie al servizio gratuito offerto dall’Agenzia delle Entrate per  la consultazione online delle visure catastali, oggi è più agevole richiedere le informazioni sui propri immobili in via telematica. Le visure catastali possono essere consultate da privati e aziende anche presso gli sportelli catastali decentrati.

I documenti con le informazioni sulle visure catastali sono in formato PDF e riportano nell’intestazione rispettivamente la frase “visura telematica esente al titolare di diritti reali” o “Ispezione telematica esente al titolare di diritti reali”.

È possibile accedere gratuitamente ai servizi online per le visure catastali in tutta l’Italia, tranne che nelle province autonome di Trento e Bolzano, anche presso gli uffici provinciali dell’Agenzia. Ma ricordiamo che, per accedervi, le persone fisiche devono registrarsi a Entratel o Fisconline richiedendo il relativo codice PIN.

In particolare si ricorda che chi effettua la consultazione deve essere titolare dell’immobile e può consultare la visura catastale (per soggetto o immobile), la mappa con la particella terreni, la planimetria del fabbricato, la visura ipotecaria.

Come procedere online

Inserendo il codice fiscale e selezionando la provincia in cui si trova l’immobile su cui si vogliono i documenti, è possibile conoscere la visura per immobile attuale completa di cointestati; la visura per immobile storica senza la specifica dei cointestati; la visura della mappa per particelle terreni e la visura planimetrica per unità immobiliare urbana.

Per la visura ipotecaria di una unità immobiliare e soggetto, si ottiene l’elenco delle formalità (trascrizioni, iscrizioni ed annotamenti) nel quale il soggetto compare a favore o contro relativamente all’immobile. In questo elenco è possibile consultare le singole note. Dall’elenco sono escluse iscrizioni e trascrizioni delle domande giudiziali, dei pignoramenti e dei sequestri eseguite “a favore” del richiedente e le annotazioni a queste correlate.

Tutti i pubblici ufficiali, gli agenti della riscossione e i notai possono ricevere per via telematica gli atti alle Conservatorie dei registri immobiliari con il modello unico informatico. Segretari comunali, ufficiali roganti della PA e agenti della riscossione non dovranno più recarsi presso gli uffici per richiedere le trascrizioni, le iscrizioni e le annotazioni.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.